Il contributo di Simbiosity per l’edizione 2019 di B Heroes

Si è conclusa l’ultima edizione di B Heroes, un percorso di mentorship per aziende ad alto contenuto d’innovazione, volto a sviluppare in Italia un nuovo approccio culturale d’impresa attraverso l’interazione e il confronto tra imprenditori “tradizionali”, investitori, esperti di innovazione e startup. Dopo aver ricevuto 650 candidature con 58 startup partecipanti e 300 mentor coinvolti, l’edizione 2019 è stata vinta da Enerbrain che ha messo a punto soluzioni di retrofit energetico per grandi edifici che consentono tagli ai consumi nonché il sensibile miglioramento del comfort interno e riduzione delle emissioni di CO2.

Tra i partner tecnici che hanno accompagnato le startup nel percorso di crescita, c’è anche Simbiosity. Per il secondo anno consecutivo l’azienda ha offerto il suo contributo di accelerazione in ambito HR e Organizzazione. Simbiosity infatti promuove e realizza l’incontro tra esigenze d’innovazione delle imprese e quelle del capitale umano “liquido” presente negli equipaggi delle startup. È l’unico player in Italia a focalizzarsi in modo strutturato e competente sui temi People ed HR per le realtà innovative. L’obiettivo è quello di supportare le realtà di B Heroes per comprendere le caratteristiche del loro team attuale, in termini di potenzialità e punti di attenzione, evidenziando i gap di caratteristiche/competenze da migliorare, o ricercare sul mercato, per garantire l’assetto organizzativo ottimale per un percorso di crescita e di successo.

Il supporto di Simbiosity alle startup partecipanti di B Heroes 2019

Attraverso l’Innovation Assessment, Simbiosity analizza l’organizzazione delle diverse startup. Lo strumento messo a disposizione consente di effettuare una valutazione delle attitudini e dei comportamenti organizzativi delle persone chiave nelle iniziative innovative. L’analisi aggregata degli assessment ha permesso di definire un profilo approfondito delle caratteristiche del team delle startup semifinaliste. Grazie a meeting mirati con founder e manager delle startup, sono state evidenziate le caratteristiche del team a valore aggiunto (attitudini complementari e orientate a comportamenti efficaci) o critiche (scarso equilibrio sotto stress e comportamenti disfunzionali). Simbiosity ha poi fornito suggerimenti su temi gestionali (dinamiche relazionali, decisionali e manageriali) e organizzativi (distribuzione di ruoli, deleghe di responsabilità e nuove Risorse da inserire).

La missione delle startup partecipanti è stata quella di dimostrare “sul campo” se l’idea alla base del business funziona davvero. Soprattutto se il team di lavoro ha i numeri per affrontare il mercato con successo. Da questo punto di vista Simbiosity garantisce un supporto fondamentale per migliorare le competenze manageriali. Individua inoltre soluzioni personalizzate che diano un risposta e un contributo efficace alle esigenze di innovazione. Nell’economia di oggi, la differenza è fatta dalle persone che lavorano ad un progetto. Simbiosity, partner ufficiale di B Heroes, evidenzia e analizza di concerto con le startup tutti i punti di forza e le debolezze di un team.

La vittoria di Enerbrain e le altre startup partecipanti

A valutare i candidati, un trio di giudici d’eccezione: Silvia Candiani, Amministratore Delegato Microsoft Italia, Laurent Foata, Managing Director Ardian Growth e Dina Ravera, Executive Manager, Board Member & Business Angel. Nel corso del programma, gli spettatori hanno scoperto quali sono state le 8 startup giudicate meritevoli di accedere alla fase di accelerazione. Queste hanno avuto il sostegno di un pool di imprenditori e mentor, i “Supercoach”, ma anche di 4 grandi aziende di settore.

Come detto, a conquistare l’investimento principale di B Heroes, pari a 500mila Euro, è stata la startup Enerbrain. Grazie ad un innovativo sistema IoT di sensori, attuatori e algoritmi, trasforma gli edifici non residenziali rendendoli più intelligenti e più sostenibili. Al secondo posto si è classificata D-Heart che ha proposto un elettrocardiografo per smartphone che consente a chiunque di eseguire un ECG (elettrocardiogramma) di livello ospedaliero in totale autonomia e di inviare i risultati al servizio di tele-cardiologia 24/7, per ricevere il referto di un cardiologo entro 15 minuti dall’invio.

L’ultimo gradino del podio è stato occupato da Mkers, una squadra di manager e giocatori con oltre dieci anni di esperienza in sport, gare ed eventi per giocare videogiochi a livello competitivo organizzato e professionistico. L’obiettivo ambizioso è quello di portare in Italia competitività e innovazione nell’eSport (Sport elettronici). Fuori dal podio invece Fessura, brand di calzature Fashion-Sport, caratterizzato da una forte componente tecnologica e da un design innovativo: segni distintivi delle calzature sono le “bande elastiche” (brevettate).

Le quattro semifinaliste che non hanno raggiunto l’atto conclusivo sono Idroplan, D-Eye, Westudents e Potalove. Idroplan ha predisposto una web application e una app. Con queste le imprese agricole visualizzano i suggerimenti per l’irrigazione dei terreni agricoli sulla base dei dati raccolti da una rete di sensori. D-Eye è un dispositivo medico che permette di vedere la retina con lo smartphone. Grazie all’app gestisce l’acquisizione e l’archiviazione delle immagini della retina e l’esportazione sulla cartella clinica elettronica del paziente. Westudents è un’applicazione intuitiva e personalizzabile per facilitare la gestione della vita scolastica senza perdere di vista l’aspetto “smart”. Infine Potalove trasforma la celebrazione funebre in un’occasione per ricordare con gioia la persona amata e celebrare la vita. Attraverso prodotti colorati e l’organizzazione di funeral party, portano conforto emotivo nel momento del bisogno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *