Startup, l’importanza di avere un team ben costruito

Una parte spesso sottovalutata della costruzione di una startup di successo è la squadra. Molti imprenditori si limitano ad assumere le persone che li circondano senza riflettere troppo su cosa possono realmente portare e se la combinazione di abilità, esperienze, personalità sia giusta. Dimenticano quindi che si tratta di una parte importante se non addirittura la parte più importante del diventare una startup di successo. Come ha detto Guy Kawasaki, “le idee sono facili. L’implementazione è difficile. “E l’implementazione di successo dipende tutto dalla squadra. Non importa quanto sia grande l’idea se poi non si riesce ad applicarla. In realtà, spesso è meglio avere solo un’idea “abbastanza buona” e una grande (o promettente) squadra come punto di partenza rispetto al contrario.

In un’economia che sopravvive sull’innovazione, sulla crescita e sulla concorrenza, è importante migliorare le possibilità di successo delle startup. Ma cosa contribuisce al successo della startup? Dietro le esigenze e i finanziamenti del mercato, team non equilibrati rappresentano il terzo fattore più significativo per il fallimento di una startup. Ma quali sono i motivi, oltre al fallimento, per costruire una squadra di equilibrata, in grado di combinarsi al meglio e con le giuste abilità?

Dalle prospettive alle sinergie, l’importanza di un team valido

Prima di tutto avere un team equilibrato consente di avere prospettive diverse. Il modo migliore per superare i pregiudizi inconsci è includere persone con esperienze e background di vita diversi. Le decisioni strategiche vengono valutate da tutti gli angoli per assicurarsi che venga scelta l’opzione migliore e il prodotto o il servizio che la startup sviluppa avrà una visione coerente che risolve il problema per cui è stato progettato. Le startup sono in gran parte definite dalla loro cultura. Nessuno vuole lavorare in un ambiente tossico. Le buone startup sono progettate per rafforzare i loro valori da zero. Nella fase di crescita si ha maggiore probabilità di assumere dipendenti che rimarranno per lungo tempo. Con un team equilibrato, una startup pone le basi per la crescita futura creando una cultura di inclusività e collaborazione.

Un altro aspetto da non sottovalutare sono le sinergie. È particolarmente difficile vedere l’immagine più grande quando tutti comprendono solo una parte di un problema. Con una squadra equilibrata, è possibile una collaborazione interdisciplinare. Un membro del team tecnico potrebbe vedere una situazione in modo diverso rispetto a un marketer. Quando si lavora insieme, la somma può essere maggiore della dimensione delle sue parti. Questo tipo di collaborazione fa molto per superare le difficoltà di adattamento del mercato del prodotto ed evitare i fallimenti di non costruire per il consumatore. Se l’obiettivo è quello di creare il massimo valore in un prodotto o servizio, i team equilibrati possono creare sinergia per moltiplicare il loro valore.

Uno studio della Stanford Business School ha analizzato come investono i venture capitalist e anche in questo caso la struttura di un team fa la differenza. Le capacità dei fondatori e del management team sono il fattore più importante nelle decisioni di investimento. La volontà è avere nel loro portafoglio team forti ed equilibrati perché avere un team affidabile dimostra anche ai venture capitalist che i loro potenziali investimenti hanno una gestione che funziona come una macchina efficiente. In qualsiasi contesto collaborativo, non avere una chiara separazione delle responsabilità porta ovviamente a fallimenti. In una squadra equilibrata, i ruoli e le responsabilità di tutti possono essere chiariti. Invece di una sovrapposizione negativa, le sinergie che si creano quando le persone di due distinte discipline lavorano insieme spingono il progetto in avanti.

Responsabilità e priorità

Non solo i team equilibrati separano le responsabilità, ma creano anche responsabilità. Ogni membro può ritenere gli altri responsabili per i loro aspetti del progetto. Le tappe personali e di gruppo sono facili da comprendere per ciascun membro e non c’è mai confusione su quali dovrebbero essere i compiti di ognuno. Le startup possono evitare errori decisivi solo ed esclusivamente se c’è una distribuzione equa delle responsabilità.  Un team valido offre una visione aziendale, culturale, sinergica e attrattiva degli investitori e responsabilità. Il lavoro di squadra è il fondamento della produzione collaborativa di successo.

Steve Blank parla di startup come ” … un’organizzazione temporanea alla ricerca di un modello di business ripetibile e scalabile. In questo contesto costruire una grande squadra è un passo importante per far funzionare il motore. Sfortunatamente per molti imprenditori, non è così ovvio”. Quando si fa riferimento ad una startup, non bisogna considerare solo la costruzione del modello di business, sul prodotto e su ciò che si ha, ma anche sulla creazione di un team in grado di eseguire tutto. Dopotutto, è tutto basato sull’esecuzione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *