I motivi che spingono le aziende ad innovarsi con le startup

“Acquisire” l’innovazione è una delle prerogative delle aziende. Alcune per farlo cercano le startup come un’ipotetica scorciatoia al pensiero creativo. Possono essere innamorati del prodotto, del servizio o anche dal punto di vista social, ma devono capire che un investimento in tempo e denaro richiede una giustificazione più solida. Una buona struttura garantisce più alte possibile di successo ed è ciò che le aziende dovrebbero cercare quando valutano idee su come “acquisire” l’innovazione. Le attività delle startup sono in linea con gli scopi e le esigenze della compagnia? Come si può distinguere una partenza sorprendente da un fuoco di paglia? Tutta l’innovazione è creata allo stesso modo?

Secondo numerose ricerche, far parte di un incubatore o di un acceleratore di business garantisce maggiore possibilità di successo. L’avvio di startup tramite programmi è il miglior esercizio in termini di efficienza e mitigazione del rischio. Ma quali sono le ragioni che spingono le aziende a cercare startup per l’innovazione? Avere una visione più ampia del motivo per cui si prendono di mira le startup è un primo passo importante per definire le aspettative. In che modo i leader dell’innovazione aziendale possono spiegare perché si rivolgono alle startup come fonti di idee, miglioramenti del prodotto e nuovi canali? Cosa possono aspettarsi dalle collaborazioni e persino dagli investimenti? Cosa possono comunicare internamente quando passano il tempo a cercare “cosa c’è là fuori” ?

Burocrazia più snella e voglia di pensare fuori dagli schemi

Le grandi aziende, nel tempo, si impantanano per processi e status quo. Sviluppano portafogli e lavorano per mantenerli con una crescita costante. Nel mondo di oggi, le grandi aziende sanno che devono innovare e per farlo, hanno bisogno di cambiare la loro mentalità. Sebbene possano capirlo intellettualmente, trovare concretamente nuove idee risulta complicato. Assumere nuovi dipendenti spesso non risolve il problema. Ciò di cui le aziende hanno bisogno è l’accesso all’innovazione che rappresentano la base di alcune startup: snelle, affamate, astute e senza paura di pensare fuori dagli schemi.

Spesso guardare all’interno dei propri ranghi non produce un approccio imparziale né creativo. Guardare all’esterno è una soluzione. Le startup diventano la chiave per trovare versioni innovative anche del marchio di una società, con prodotti o servizi che possono diventare complementi o estensioni intelligenti. Gli incubatori di imprese e gli acceleratori permettono all’azienda di ridurre i pericoli a le proprie risorse in caso di fallimento. In caso di successo, l’azienda produce un nuovo prodotto o servizio in modo più veloce grazie a meno burocrazia e processi più snelli. Questo è probabilmente il motivo per cui si cercano le startup come un modo per trovare l’innovazione.

Settori poco conosciuti

Oltre 700 incubatori e acceleratori in tutto il mondo permettono alle startup di portare sul mercato un prodotto minimo vitale, testarlo e poi rielaborarlo secondo necessità. Possono reagire più rapidamente alla ricezione del mercato e adeguare l’offerta. Le aziende, a loro volta, trovano il modo di testare le idee in specifiche aree geografiche o segmenti di clienti, in modo rapido, grazie alle collaborazioni con le startup.

Una società consolidata potrebbe non capire come applicare tendenze come Intelligenza Artificiale, Internet of Things, Big Data, Gamification e anche la Digital Health a prodotti, servizi e operazioni esistenti. La maggior parte delle startup in tutto il mondo sta lavorando all’interno di queste aree., un aspetto ritenuto fondamentale per avere un futuro. Si immagina quindi di incorporare una di queste realtà nel proprio tessuto aziendale. Spesso anche solo per una sessione di consulenza o per catturare idee.

Affidarsi ad attori in grado di capire l’innovazione

Del resto le aziende si trovano di fronte a una pressione costante per rimanere competitive. Cercare l’innovazione tramite partnership con incubatori di imprese e acceleratori e persino investimenti diretti e collaborazioni con le startup sono certamente dei modi per essere sempre all’avanguardia. Ovviamente per fare ciò c’è bisogno di una guida che permetta di capire le potenzialità di una startup e come possono essere sfruttate da un’azienda.

Si arriva quindi a creare un attore che fa da tramite tra la startup e l’azienda. Può quell’idea o quell’innovazione servire? È compatibile con ciò che cerca l’azienda? Per farlo ovviamente bisogna operare in maniera mirata ed efficiente per questo sempre più realtà si affidano ad attori che possano creare innovazione reale, efficace e replicabile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *