Tre consigli per negoziare con un investitore

Come fondatore di una startup potresti aver bisogno di finanziamenti da investitori esterni o semplicemente essere così attraente sul mercato da ricevere offerte. Puoi fidarti a scatola chiusa? Vuoi condividere la torta con gli investitori o avere il pezzo più grande? Bisogna essere preparati a qualsiasi scenario, per questo è importante avere dei suggerimenti in grado di guidarti in una fase così importante per la tua startup. Ma cosa dovresti fare come fondatore?

  • Assicurati che ci sia un accordo tra i fondatori
  • Scegli con saggezza
  • Minoranza e maggioranza

Un accordo tra i fondatori

Prima di iniziare a negoziare con terze parti, analizza tutto. Hai un co-fondatore? La tua startup ha più azionisti? Assicurati di essere allineato al 100% prima di rivolgerti agli investitori! Non vuoi negoziare con il tuo co-fondatore di fronte a un potenziale affare da un milione di dollari, giusto? Il modo migliore per prendere accordi formali è istituire un patto parasociale . Tra gli altri, il patto parasociale conterrà spesso 2 argomenti. Il primo tema è il controllo generale della startup: quali diritti saranno assegnati a chi (a livello di gestione della società e a livello di azionisti della società)? Ci sarà 1 leader o sarebbe possibile una soluzione su misura?

Il secondo argomento del patto parasociale affronta lo scenario di uscita. Se uno dei due fondatori avesse l’opportunità di essere a capo delle vendite presso una famosa agenzia di marketing e l’altro vuole che rimanga attivo nella startup? Potrebbero essere d’accordo sul fatto che possa diventare un partner silenzioso, ma cosa succede se la persona interessata non vuole ricoprire questo ruolo?

La creazione di un patto parasociale non è obbligatorio, ma fortemente consigliata. Costringe te e i tuoi colleghi azionisti a pensare agli eventi che potrebbero accadere nel (prossimo) futuro (buono o cattivo) e al modo in cui gli azionisti dell’azienda gestiranno questi eventi.

Scegli il tuo partner con saggezza

Probabilmente sai già che ci sono diversi modi per far finanziare la tua startup. Oltre a diversi tipi di sussidi e acquisizioni, hai vari tipi di “investitori” : VC, Business Angels, amici / famiglie /un ricco imprenditore in pensione, o anche il tuo professore universitario che ha visto del potenziale negli sviluppi del tuo dottorato. Chiunque potrebbe essere un potenziale investitore e tutti hanno ragioni diverse per investire. Quindi è fondamentale che tu comprenda la motivazione dei tuoi potenziali investitori prima di chiedere loro di finanziare la tua azienda.

Che tipo di investimento stai cercando? Non cercare solo denaro, cerca il valore aggiunto che l’investitore può offrirti e assicurati che si adatti alla tua visione a lungo termine per l’avvio.

Maggioranza e minoranza

Non è pericoloso regalare la maggior parte delle azioni della tua startup? Il numero di azioni non è uguale all’importo dei diritti! Nonostante il fatto che in molti casi “più condivisioni” significhi “più potere”, è possibile creare condivisioni privilegiate con diritti privilegiati. Ci sono 2 diritti importanti legati alle azioni: diritti di controllo e diritti finanziari (dividendi). Nel patto parasociale, potresti privilegiare determinate persone con una quota minore assegnando loro maggiori diritti di controllo o finanziari.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *