Decreto Rilancio, gli aiuti alle startup

Il Decreto Rilancio, serie di norme e decisioni stabilite per superare l’emergenza Covid, prevede aiuti alle startup per alimentare la macchina digitale. In particolare l’articolo 38 prevede il rafforzamento dell’ecosistema delle start-up innovative.

startup aziende

La norme punta all’incremento della dotazione finanziaria e all’ampliamento della capacità di azione. Previsto quindi un sostegno pubblico alle startup innovative con uno strumento agevolativo di conversione del prestito con l’ingresso di un investitore nel capitale sociale a aumento di capitale. Viene infatti aumentata la dotazione al Fondo di sostegno al venture capital con risorse aggiuntive per 200 milioni per l’anno in corso.

 

Altri 200 milioni aggiuntivi vengono garantiti al Fondo di garanzia Pmi a favore delle startup innovative. Prevista anche una detrazione d’imposta pari al 50% per chi investe in ina startup innovativa: l’investimento detraibile, in ciascun periodo d’imposta, non può eccedere i 100mila euro e deve essere mantenuto per almeno 3 anni. Medesima agevolazione anche per chi investe in Pmi innovative.

Il polo d’eccellenza e smart working nelle PA

Il Decreto Rilancio prevede anche la creazione di un polo di eccellenza per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore automotive nell’area industriale di Torino. Viene stabilita anche la proroga del termine di consegna dei beni strumentali ai fini della maggiorazione dell’ammortamento sempre nell’ambito dell’innovazione nell’automotive. L’articolo 52 prevede infine misure di salvaguardia per il settore dell’aerospazio con la sospensione di una serie di pagamenti.

Smart working e didattica digitale

L’avvento della pandemia ha accelerato ulteriormente l’adozione di uno strumento utile come quello dello Smart working. Il Decreto Rilancio riconosce il diritto a svolgere le attività in modalità di lavoro agile. Questo può avvenire anche in mancanza di accordi individuali per i genitori di figli di età minore ai 14 anni.

Per quanto riguarda lo smart working nella PA, c’è la possibilità per le amministrazioni di rivedere organizzazione e orari di lavoro. Sono disciplinate anche le attività a distanza riferite alla didattica e quindi all’istruzione scolastica: è prevista la creazione di datawarehouse e datamart che consentano di prendere decisioni sulla base dell’impatto nelle singole circostanze e aree del Paese.

La startup che aiuta gli studenti a svolgere tirocini durante la pandemia

Con gli esami rimandati o annullati e gli stage che si fermano a causa della pandemia di coronavirus, gli studenti sono stati costretti a sedersi a casa, sprecando il loro tempo quando avrebbero potuto guadagnare preziose esperienze lavorative. La maggior parte delle aziende ha istigato un blocco generalizzato alle attività di assunzione, ma i tirocini potrebbero aiutare a ridistribuire una certa pressione sui dipendenti. Dare2Compete, con sede a Delhi, è una società che aiuta le aziende e gli studenti a connettersi tra loro per uno stage. “La pandemia ha spinto indietro il calendario accademico di alcuni mesi, e quindi le attività pianificate attorno ad esso. Tuttavia, poiché D2C è una piattaforma digitale, è in grado di risolvere vari problemi affrontati dalla comunità degli studenti e dai suoi stakeholder ”, afferma Ankit Aggarwal, fondatrice e CEO di FLIVE Consulting, che gestisce e possiede Dare2Compete (D2C).

La piattaforma di reclutamento D2C

“Stiamo agendo e reagendo ai bisogni della nostra comunità, che abbiamo accuratamente costruito e coltivato negli ultimi quattro anni. Abbiamo lanciato il nostro segmento di tirocinio e posti di lavoro nel marzo 2020 per aiutare tutti gli studenti che hanno perso i loro tirocini e posti di lavoro a causa di aziende che hanno annullato le loro offerte dopo COVID-19 “, aggiunge. Attualmente, la piattaforma di reclutamento di D2C viene offerta gratuitamente ad aziende e studenti, nell’interesse della comunità studentesca. In tre settimane dall’inizio del blocco, è stato in grado di fornire un posizionamento a quasi 1.000 studenti interessati. D2C è stato istituito formalmente nel 2016 come sportello unico per soddisfare le esigenze degli studenti durante il loro viaggio accademico.

Una startup che aiuta studenti e aziende

Fu concettualizzato quando Ankit, ora 35enne, stava ancora completando il suo master in economia aziendale presso l’Istituto di tecnologia di gestione, Ghaziabad. La società aggrega informazioni su concorsi, tirocini, lavori, quiz, hackathon, giochi di simulazione aziendale, borse di studio, festival culturali e articoli utili relativi alla comunità studentesca. “Miriamo a soddisfare tutti gli elementi e le esigenze dell’ecosistema che comprende studenti, istituti e aziende come parti interessate”, afferma Ankit. D2C aiuta a facilitare la comunicazione tra le aziende e la comunità studentesca per aiutarle ad assumere i migliori talenti disponibili. Senza dimenticare di raggiungere obiettivi come l’assunzione e la promozione dell’adozione di marchi e prodotti.

Da blog a sito

D2C lavora con società del calibro di Reliance Industries, Aditya Birla Group, PepsiCo, Hindustan Unilever (HUL), Flipkart, Amazon, Ola, RB e Asian Paints, tra gli altri. “Ho pensato di avviare un blog per ottenere tutte le informazioni dagli organizzatori in tempo reale. Quando mi sono reso conto che fosse necessaria un’unica piattaforma per le esigenze degli studenti, ho colto l’occasione al volo. Il blog si è trasformato in un sito. “Non esiste nessun altro attore in questo segmento che abbia tutta la gamma di servizi e prodotti di cui disponiamo. Il nostro vantaggio è però la vasta rete di studenti”

Startup, sei soluzioni innovative contro il Coronavirus

C’è stata una raffica di attività online correlata a hackathon a tema coronavirus. La cosa meravigliosa è la collaborazione transfrontaliera vista tra partecipanti remoti, ognuno dei quali porta la propria esperienza al tavolo e lavora insieme “virtualmente” per offrire soluzioni all’unica pandemia che molti di noi in Europa hanno visto nella nostra vita. Ci sono alcune utili innovazioni emerse da questi eventi online, ecco quelle più interessanti che sono realisticamente sviluppati da start-up esistenti o che stanno diventando l’unico obiettivo dei team europei di nuova formazione.

startup team

Suncrafter e Velmio in ottica Covid

Suncrafter, startup con sede a Berlino, lavora già sull’utilizzo di SolarHub ecologici per alimentare gli ambienti urbani e rurali. Ha preso parte all’hackathon online dell’Estonia organizzato da Accelerate Estonia e Garage48 a metà marzo, che è stato uno dei primi a combattere la pandemia. All’evento hanno trovato una soluzione per il lavaggio delle mani che utilizza la luce ultravioletta per disinfettare.

Sempre dall’Estonia novità anche da Velmio, startup locale che di solito si concentra sulla sua app per la salute in gravidanza. Combina l’intelligenza artificiale con il monitoraggio dello stile di vita per evitare che le future madri possano avere complicazioni. Durante l’hackathon estone Hack the Crisis, hanno inventato un “coronavirus tracker ” che analizza i sintomi dell’utente per stimare un livello di rischio COVID-19, mostra il livello di rischio delle località vicine, con la possibilità di registrare i sintomi in modo anonimo. È attualmente disponibile per il download in Estonia e Australia.

Linistry e Bankera per aiutare le aziende

Linistry , fondata nel 2016, ha lavorato sul suo servizio di accodamento digitale all’avanguardia per alcuni anni, con l’obiettivo di migliorare la fedeltà dei clienti e aumentare le vendite. Il team di Budapest ha preso parte all’hackathon dell’UE alla fine di aprile. Utilizzando la sua tecnologia esistente, ha creato una soluzione che mira a ridurre la trasmissione dei virus quando le persone vanno al supermercato, limitando i clienti in negozio, gestendo la coda all’esterno e aiutando le persone ad acquistare online.

Bankera, startup di servizi di pagamento internazionale, è stata fondata nel 2017. Con sede a Vilnius, in Lituania, ha preso parte all’hackathon dell’UE. La soluzione che ha trovato è stata Bankera Business Care, che mira ad aiutare le aziende a riscontrare problemi di flusso di cassa durante il COVID-19 utilizzando una garanzia del proprio partner commerciale. Tramite il loro sistema, il rimborso del prestito è flessibile e può essere effettuato al termine della quarantena.

Colivery e Wamapp per cittadini e piccole imprese

Colivery è supportata da ImpactHub Berlin, Code for Germany e Tech4Germany. La piattaforma riunisce “aiutanti” che possano aiutare i loro concittadini per comprare cibo, andare in farmacia e raccogliere medicine da banco. Infine Wamapp, fondata a Oslo, si è sempre concentrare sul dare gioia alla famiglia e agli amici attraverso piccoli regali premurosi e divertenti. Dopo aver partecipato all’hackathon norvegese, ha avuto l’idea di supportare le piccole imprese consentendo ai clienti di acquistare buoni da utilizzare dopo la pandemia, come regali per la famiglia e gli amici.

Le richieste delle startup europee alle istituzioni

I rappresentanti delle startup riunite nella rete “Allied for Startups” hanno inviato una lettera congiunta alle istituzioni nazionali ed europee con una serie di proposte e richieste. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’attenzione sul ruolo centrale che l’imprenditoria può avere nelle soluzioni per affrontare l’emergenza Covid-19. Per farlo però le istituzioni devono supportare le startup durante la difficile situazione economica. Per l’Italia hanno firmato la lettera Gianmarco Carnevale, Presidente di Roma Startup Association, in rappresentanza dell’ecosistema delle startup communities italiane.

Le richieste delle startup

Un documento sottoscritto anche da Alvise Biffi, Presidente della Piccola Industria Confindustria Lombardia e Coordinatore dell’Industry Advisory Board di Italia Startup e che ha dichiarato: “Sottoscrivo questo documento del network delle principali associazioni europee di startupper perché, per la Piccola e Media Impresa italiana, le startup sono un naturale partner per l’innovazione. Dal matrimonio tra PMI e startup nascerà sicuramente uno dei pilastri su cui appoggiare il rilancio del nostro sistema economico post emergenza Covid-19, per questo è necessario definire subito una politica industriale che valorizzi l’innovazione di cui sono portatrici le startup, allocando le relative risorse necessarie”.

La prima richiesta è un’accelerazione dei finanziamenti pubblici alle startup che stanno sviluppando tecnologie in grado di supportare i test. La lettera però prevede una serie di proposte per dare il giusto supporto a queste realtà, che “hanno intrinsecamente meno liquidità rispetto ad altri attori dell’economia e dell’industria”. Questa la lista:

  • Istituire una task force nazionale ed un Ambasciatore delle startup per instaurare un dialogo continuo tra Governo e startup/comunità dell’innovazione
  • Istituire uno sportello unico per informare le startup e fornire loro l’accesso a tutti gli strumenti disponibili per affrontare la crisi
  • Rinviare le scadenze mensili fiscali e sociali e offrire un congelamento del rimborso di investimenti governativi
  • Fornire finanziamenti ponte per le startup che stavano pianificando un nuovo round di finanziamento; includere le startup investite dal venture capital nelle misure nazionali di liquidità; accelerare il rimborso di anticipazioni fiscali o introdurre nuove esenzioni specifiche per le startup
  • Modificare le leggi sull’insolvenza delle società per proteggere i fondatori dalla responsabilità personale per gli stipendi e i contributi sociali nel caso in cui il crollo della domanda indotto dall’epidemia porti a una diminuzione significativa del reddito

Startup come stimolo dell’economia

Le startup chiedono poi ai Governi di guardare alle startup per il processo di stabilizzazione e stimolo dell’economia che seguirà la crisi connessa all’emergenza Coronavirus. Le attività innovative infatti “potranno garantire forme di crescita più sostenibili o diversificate, ad esempio privilegiando soluzioni coni un minore impatto sull’ambiente”. In particolare, si suggerisce di lanciare delle challenge in cooperazione pubblico-privata per realizzare obiettivi strategici coinvolgendo la filiera dell’innovazione.

Caricami, startup per ricaricare in mobilità il proprio smartphone

In un mondo totalmente connesso, Caricami è una startup innovativa che punta a risolvere un problema troppo spesso poco sottovalutato. Si tratta di un progetto di sharing economy teso a risolvere l’esigenza degli utenti di ricaricare in mobilità il proprio smartphone in assenza di caricabatteria o di una fonte di energia fissa di facile accesso. Questo progetto segue un trend già consolidato, di successo, ed in continua espansione, in tutta la Cina. Nasce così Caricami, un progetto che combatte la cosiddetta nomofobia, la paura di disconnessione e che porta tante persone a cambiare i piani quotidiani.

caricami

Il progetto Caricami e le stazioni di ricarica

Una necessità fisica, emotiva e psicologica che ormai fa parte della società quello di avere la possibilità di poter ricaricare la batteria del proprio smartphone. L’obiettivo della startup è quello di creare una rete ramificata di punti di prelievo e rilascio di batterie che punta sulla capillarità sul territorio. Nella città di Milano sono presenti oltre 100 stazioni di ricarica Caricami, con il proposito di continuare l’espansione quest’anno e anche nei prossimi. Un modo facile e immediato per ricaricare in mobilità, in quanto ogni stazione di ricarica Caricami può contenere fino a 8 batterie. Ogni elemento del genere ha una potenza di 5000mA. Le batterie Caricami dispongono dei 3 connettori più comuni (micro USB, Type-C e Lightning) in modo da essere compatibili con tutte le tipologie di dispositivi mobili presenti sul mercato.

L’app e i benefici per l’ambiente

Ovviamente Caricami sfrutta i vantaggi di un’app gratuita dove individuare la stazione di ricarica più vicina. Una mappa interattiva guiderà l’utente verso un punto dove noleggiare una batteria, ricaricarsi in mobilità e restituire la batteria. Sempre tramite la app l’utente potrà vedere in tempo reale la disponibilità di batterie per stazione di ricarica e i relativi slot liberi per la restituzione. Il pagamento del servizio avviene in maniera sicura e semplice direttamente all’interno della app. Il servizio Caricami ha le sue radici nella sharing economy e crede nell’importanza della condivisione. Grazie a Caricami le persone non avranno più la necessità di acquistare ed avere sempre con loro un power bank. Una innovazione che porterà ad una riduzione di rifiuti elettronici e dell’inquinamento ambientale.

Cinque cose che mancano alla maggior parte delle startup

Ogni giorno porta nuove sorprese quando si tratta di startup. Per gli imprenditori, tale insicurezza può rendere inutile la definizione degli obiettivi. È difficile fare un piano quando c’è così poca prevedibilità su cosa porterà l’anno. Ma la creazione di obiettivi che tengono conto della flessibilità durante la gestione di un’azienda non solo aiuta a rendere il business plan a prova di futuro , ma può anche dare potere. Tutti gli imprenditori hanno una grande visione di ciò di cui sono capaci con le loro attività, ma bisogna creare obiettivi diversi dalla concretezza del fatturato o della crescita di un team. Ecco quali

startup aziende

Esaminare le intenzioni

Nel mondo ipercompetitivo di oggi, è facile puntare gli occhi su risultati che sembrano un successo all’esterno, ma potrebbero non avvantaggiare l’attività tanto quanto si pensa. Potrebbe essere un aumento dei follower di Instagram, un premio di fantasia o la partecipazione a una conferenza di alto profilo. Nessuna di queste aspirazioni è intrinsecamente problematica, ma mentre si fissano gli obiettivi, si deve considerare quale sarà effettivamente l’impatto più significativo per l’anno a venire. Soprattutto, chiedersi se è qualcosa su cui davvero lavorare o se è solo qualcosa che sembra bello sulla carta.

Scoprire qualcosa di nuovo

Si devono identificare gli obiettivi di una startup che richiedono di imparare una nuova abilità. Iscriversi a corsi, immergersi nel nuovo software di progettazione, imparare a fare acquisti di annunci o pianificare di partecipare ad almeno un evento di networking al mese. L’idea è quella di rimanere collegati espandendo il pensiero e le abilità

Chiedersi chi avrà un impatto sugli obiettivi

Gli obiettivi che si fissano per una startup avranno un impatto sulla vita personale, sulla comunità e sui membri del team che lavorano. Ad esempio, se quest’anno si lavora per un’ambiziosa espansione operativa, bisogna assicurarsi di tenere conto degli effetti che avrà sulle persone. Parlare con colleghi e partner su cosa aspettarsi e su come supportarsi a vicenda è la strada ideale per non avere brutte sorprese.

Lascia spazio alla spontaneità della startup

Una volta che gli ingranaggi della pianificazione anticipata stanno girando, può essere allettante tentare di prevedere eccessivamente dove si potrebbe atterrare. Avere un piano a tenuta stagna ci fa sentire che l’attività è sicura e stabile, quasi come se avessimo realizzato ciò che era nella nostra lista prima ancora di iniziare. Essere troppo rigidi o specifici può portare a perdere opportunità inaspettate. Mentre si impostano gli obiettivi, va bene se si includono ampi segnaposto. Le aree grigie non sono necessariamente una cosa negativa. Comunicare l’importanza della flessibilità anche al proprio team contribuirà a garantire che vengano prese in considerazione le opportunità emergenti e incoraggerà diversi modi di pensare. È la differenza tra avere la libertà di perseguire una nuova partnership cruciale o inviare quell’e-mail allo spam perché non contribuisce immediatamente agli obiettivi di reddito del trimestre.

Pianifica di festeggiare lungo la strada

Pianificare di riflettere su ciò che si è imparato e riconoscere anche vittorie inaspettate lungo la strada  è questo l’obiettivo per il nuovo anno. È importante il ​​tempo per se stessi alla fine di un mese particolarmente impegnativo, un modo per pubblicare un diario sulle riflessioni e risultati. È facile rimanere così coinvolti nel nostro lavoro che dimentichiamo l’importanza di un riconoscimento semplice e sincero. Non si deve dare per scontato che le persone intorno già sappiano quanto sei grato.

Troppo spesso si perdono opportunità che definiscono il business e abbracciamo il falso senso di sicurezza che deriva dalla pianificazione eccessiva. Nel 2020, facendo spazio agli imprevisti, possiamo cambiarlo.

Case senza mutuo, l’idea di una startup americana

Una nuova startup sostenuta da investitori di Los Angeles sostiene che permetterà agli americani di avere una casa senza richiedere un mutuo. Fleq verrà lanciata il prossimo mese a Pittsburgh e, invece di originare mutui, il suo piano è semplicemente quello di acquistare la casa che un acquirente desidera e rivenderla, a poco a poco, in azioni. L’acquirente può scegliere il periodo di tempo che desidera pagare per la casa. “Non pensavamo che [i mutui] fossero l’approccio giusto ed equo alla proprietà della casa, e non pensavamo che risuonasse con Millennials e Gen Zers, che hanno visto i loro genitori spazzati via dalla crisi finanziaria”, ha detto il fondatore e CEO Todd Sherer, il cui background è nella finanza immobiliare.

L’innovazione di Fleq

Come funziona davvero? Fleq addebita l’affitto agli acquirenti di case. La società afferma che una volta che l’acquirente avrà pagato il 100% della casa, consegnerà il titolo, tagliando eventuali acconti sui mutui o i tassi di interesse al di fuori del processo. Ma se l’acquirente vuole spostarsi prima di pagare completamente la casa, dividerebbe semplicemente i profitti con Fleq in base a quanto della casa ha pagato.

“Spesso ci riferiamo ai mutui come uno strumento fuori da ogni logica”, ha detto Sherer. Fleq ha grandi progetti per il suo futuro, dicendo che intende essere un’opzione di finanziamento nazionale entro il 2021.

I dubbi sullo strumento scelto

Ma molte domande rimangono senza risposta. Quanto di premio Fleq addebiterà per l’affitto? Quale sarà il profilo di rischio dei suoi acquirenti? La società ha sopravvalutato la domanda dei Millennials di una soluzione ipotecaria alternativa? “Un mutuo, sebbene per lo più onnipresente, non è più il modo migliore per acquistare una casa”, ha detto Sherer.

Una cosa è certa: dalle startup ai giganti dei mutui, molti nel settore stanno rivoluzionando il modo in cui approcciare a questo settore. Pensare fuori dagli schemi non è più abbastanza buono, molte aziende stanno adottando un approccio completamente nuovo. Il premio Tech100 di HousingWire riconosce le aziende che fanno proprio questo. E quest’anno, per la prima volta in assoluto, sono state riconosciute 100 società immobiliari e 100 società di mutui. Il premio riconosce le aziende tecnologiche più innovative al servizio delle industrie ipotecarie e immobiliari.

Perché il core team è fondamentale per una startup

Un business non è niente senza le persone che lavorano dietro le quinte. Mentre l’imprenditore può avere grandi sogni è la squadra che può realizzare gli obiettivi. Assumere le persone giuste è quindi estremamente importante per qualsiasi azienda, e ancora di più per una startup, poiché è la squadra che svolge un ruolo chiave nella comprensione e nell’esecuzione della visione del fondatore. Non si può realizzare la visione dell’azienda senza la squadra, poiché alla fine gli stessi puntano ad ottenerla dividendola in obiettivi di squadra brevi e assicurando che gli obiettivi vengano raggiunti. Viene svolto così un ruolo cruciale nel trasformare la visione in realtà. Poiché la maggior parte delle start-up deve affrontare la sfida di risorse e tempo limitati, i membri del team dovrebbero essere aperti al multitasking.

La cultura di un’organizzazione è una combinazione della personalità, delle credenze e dei valori naturali della squadra fondatrice, incluso l’imprenditore. Pertanto la cultura di ogni startup è fortemente influenzata dai valori e dalle convinzioni del core team. Assumono il ruolo di catalizzatori vitali nella propagazione dei valori che l’azienda rappresenta. È importante valutare l'”adattamento culturale” dei membri del team  prima che vengano assunti per garantire che propaghino i valori che si stanno sostenendo ed evitare conflitti o disaccordi in una fase successiva.

Completare le abilità e le competenze

La giusta composizione porterà sinergie integrando le reciproche abilità e competenze. C’è bisogno di persone in grado di comprendere e gestire efficacemente diverse sfaccettature di un’azienda e che ciò è possibile solo quando si dispone di persone con competenze diverse, ma in grado di lavorare insieme per raggiungere gli obiettivi più grandi della startup. Infatti, è importante avere diversità nelle filosofie e nei talenti per impollinare e mantenere un buon equilibrio nella startup. Del resto i finanziatori puntano ad aziende che abbiano un core team in grado di gestire le condizioni del mercato e far emergere nuove opportunità e sfide.  Un solido team che ha il potenziale per adattarsi ai cambiamenti e dare l’avvio e il vantaggio sul mercato. È davvero il team che determina il destino di una startup e anche l’idea migliore fallirà in assenza di una squadra con le giuste capacità per eseguirlo.

Il core team per affrontare le battute d’arresto

Tutte le startup ad un certo punto affrontano battute d’arresto inaspettate, siano esse legate allo sviluppo del prodotto, a ritardi nei finanziamenti o a una stretta di liquidità. Questo è il momento in cui il core team viene in soccorso. Una buona squadra accompagnerà l’imprenditore durante i tempi di prova e fungerà da ancoraggio per far rimanere a galla la nave. Nessuna idea può essere più grande della squadra che la esegue, poiché senza la squadra rimarrà solo un’idea e non prenderà una forma più ampia. Pertanto, una grande squadra è davvero l’ingrediente più grande per il successo. È il pilastro su cui è costruita una startup.

Quattro lezioni da imprenditore per la propria startup

Da esperto di marketing a creatore di un sito in grado di costruire un business di grande successo. Evan Britton è tra i massimi esponenti imprenditoriali del mondo e ha condiviso i suoi consigli per focalizzarsi, cercando di sviluppare nuove tecnologie per costruire un business di successo.

Cavalca la nuova frontiera

Il successo di Britton dipende dalla decisione che ha preso all’università di muoversi e svilupparsi con una nuova idea. “Ricordo di essere stato affascinato dal fatto di poter pubblicare contenuti sul Web”, ricorda. “Era una nuova frontiera che stava accadendo proprio quando stavo iniziando a pensare alla mia carriera. Ciò che mi ha davvero affascinato è che pubblichi qualcosa ed è accessibile ovunque. Stavo pensando che questo era un nuovo modo di mettere su media o contenuti. Trent’anni fa, come saresti in grado di farlo? Era un oceano facile e accessibile proprio quando ero a quel punto”.

Assumendosi il rischio di utilizzare una nuova risorsa, Britton è stata in grado di iniziare a costruire un’attività anticipando la concorrenza.

Puntare sulla nicchia

La ncchia è davvero la strada da percorrere. Rendendoti l’esperto principale nel tuo campo, sei in grado di costruirti come persona, sito o azienda di riferimento. Britton apprese che la nicchia gli aveva permesso di iniziare ad avere un impatto positivo: “Circa otto anni fa, avevo una società in cui possedevo una rete di sette o otto siti Web e niente si muoveva, niente cresceva”, spiega. “Tanto lavoro per tenere a galla tutto e mi ha insegnato a concentrarmi. Per avere davvero successo sul web, considerando che c’è una barriera così bassa all’ingresso, è davvero bello avere una nicchia davvero fantastica. Tutto era stabile, ma non avevo alcun impatto”.

Conosci la tua visione

La decisione di Britton di concentrarsi sui Famous Birthdays quasi esclusivamente è la ragione del suo successo oggi e incoraggia gli imprenditori a concentrarsi su un’area e poterne discutere apertamente. “Essere in grado di articolare coerentemente la tua visione e concentrarti su di essa”, afferma Britton. “Resistete all’impulso di assumere di più al di fuori di quella visione. Ci saranno cose che sono una buona idea e le persone chiederanno perché non lo stai facendo, ma se non si adatta alla visione, devi dire di no. Una volta che gli imprenditori iniziano ad avere successo, diventa ancora più difficile mantenere quella visione. Ci vuole molta disciplina per concentrarsi”.

Consuma la tua passione

Come imprenditore, è indispensabile trascorrere il tempo ad imparare il più possibile. Se non riesci a trovare gioia nel tuo lavoro, semplicemente non ha senso. “Quando faccio jogging, ascolto un podcast sui media digitali”, dichiara Britton. “In sostanza sto lavorando in quel momento, ma mi diverto”. Se non riesci a sopportare il pensiero di consumare contenuti relativi alla tua carriera fuori dal lavoro, non sei nella giusta dimensione

Cosa fare per preparare la tua startup al 5G

È arrivata l’era del 5G e la tecnologia è pronta ad offrire enormi opportunità, soprattutto per le startup. Le organizzazioni su larga scala con centinaia o migliaia di terminali hanno dovuto investire ingenti risorse in sofisticate tecnologie di rete per supportare le loro esigenze di rete. Ora tutto questo è eliminato grazie al 5G che permette di gestire un milione di dispositivi in ​​un chilometro quadrato.

5g

Lo sviluppo della tecnologia 5G è simile all’invenzione del motore a combustione interna. Cambia le regole del gioco e il massiccio calo della latenza e l’aumento della larghezza di banda renderanno possibili nuovi modelli di business. Più elaborazione avverrà sul cloud anziché a livello di dispositivo, riducendo in modo esponenziale i costi di software e hardware. Il 5G renderà più semplice la creazione di una massiccia rete di dispositivi connessi all’IoT.

L’opportunità per le società di telecomunicazioni di sfruttare il mercato del 5G è ovvia e si stanno muovendo rapidamente per estendere le loro reti e preparare il personale a cambiare. Il 5G non scuoterà semplicemente il mercato dei consumatori. I dispositivi intelligenti e la tecnologia dei sensori hanno applicazioni industriali importantissime. Le start-up devono prepararsi se vogliono sfruttare appieno i vantaggi della rivoluzione del 5G e devono iniziare ora. Ecco tre suggerimenti su come iniziare.

Sviluppare il 5G nella cultura aziendale

Undici milioni di persone useranno gli smartphone 5G in tutto il mondo entro la fine del 2019, secondo una ricerca una cifra che dovrebbe raggiungere i 627 milioni entro il 2022. Si tratta di un aumento di 57 volte nell’arco di tre anni e la vertiginosa velocità del cambiamento significa che i dipendenti avranno bisogno di un solido supporto per adattarsi.

Schemi di formazione e strategie di comunicazione chiare sono fondamentali per coinvolgere tutti. I leader aziendali non possono presumere che tutti capiranno cosa significa 5G per l’azienda. Devono rendere l’innovazione parte della cultura aziendale per garantire che tutti acquistino.

Porta tutti sulla stessa pagina

Ogni aspetto di un’azienda sarà influenzato dal 5G. Molte parti mobili dovranno essere coordinate, e i vecchi sistemi di gestione e i modi di fare le cose potrebbero dover essere abbandonati per rendere le aziende più agili. Audi ha già iniziato a lavorare su una nuova filosofia usando il Wi-Fi per collegare i robot sulla sua catena di montaggio. Ha anche iniziato a testare il 5G e si aspetta di implementarlo nelle sue operazioni tedesche negli anni a venire.

Anche le aziende di altri settori possono imparare da questo esempio. Dovrebbero impostare i processi che consentiranno loro di avere successo con la tecnologia 5G e assicurarsi che ogni reparto si adatti in risposta.

Aprire nuovi canali per il supporto dei dipendenti

Secondo una ricerca, la domanda di manodopera specializzata in tutto il mondo dovrebbe superare l’offerta entro il mese rispetto a 85,2 milioni di persone entro il 2030. I dirigenti d’azienda devono supportare i propri dipendenti per assicurarsi che non subiscano le conseguenze di tale carenza. Ci sarà sempre una curva di apprendimento per i dipendenti che si adegueranno alle nuove tecnologie e ai processi aziendali.

Il supporto strutturato prima, durante e dopo il cambiamento garantirà ai dipendenti di rimanere motivati dal debutto della tecnologia 5G. La formazione è una parte del cambiamento, ma i dipendenti devono sentirsi collaboratori, non studenti. Hanno bisogno di opportunità per dare feedback e aiutare a modellare il processo.