La startup che pensa a chi lavora in smart working

Mentre la pandemia di coronavirus si è evoluta in una vera minaccia, gli uffici hanno chiuso per limitare la diffusione e le persone hanno dovuto improvvisamente scaricare Zoom e lavorare da casa. Da allora molti uffici sono rimasti chiusi. E con il numero di casi di coronavirus in rapida crescita, non è chiaro quando, o anche se, gli uffici riapriranno. Jesse Chambers , fondatore e CEO di wrkfrce , ha pensato che ci fosse un’opportunità per pubblicare contenuti esclusivamente rivolti ai lavoratori in smart working. Wrkfrce offrirà contenuti, offerte di lavoro e servizi di consulenza per aiutare i lavoratori a capire come adattarsi e prosperare in un ambiente di lavoro remoto. Il sito inizia con 60 articoli e pubblicherà ogni giorno maggiori informazioni su argomenti specifici come ad esempio “adattarsi come genitore per chiedere le ferie come lavoratore remoto”.

Video, documentari e contenuti in tema smart working

Oltre agli articoli, la società sta creando contenuti video in stile documentario in collaborazione con uno studio con sede a Los Angeles. I video spiegheranno gli strumenti di lavoro utili per il remoto. Oltre alla libreria di contenuti, wrkfrce dedica una parte del suo sito ad una bacheca con oltre 217.000 annunci, dal settore tecnologico ai colletti blu. Chambers spera di creare uno sportello unico per chiunque si trovi in ​​una situazione lavorativa flessibile. “Il modello dalle 9 alle 5 in ufficio è una reliquia della rivoluzione industriale”, ha detto Chambers. Tutto nasce dall’esperienza dello stesso fondatore che dopo aver lasciato il suo posto di lavoro, ha iniziato una ricerca di un impiego che gli avrebbe permesso di avere la flessibilità di lavorare da casa. Il risultato è che non è riuscito a trovare molto.

Wrkfrce guadagna attraverso link di affiliazione sulla sua bacheca di lavoro, pubblicizzando strumenti di lavoro a distanza e costi di consulenza che addebita alle aziende che chiedono consigli su come aiutare un team da remoto. La sfida più grande per wrkfrce, secondo Chambers, è costruire un pubblico sano e sostenibile.

L’esperienza diretta di Jesse Chambers

Jesse Chambers e sua moglie hanno viaggiato attraverso il paese nel loro Airstream di 27 piedi. Proprio in questo periodo ha lanciato la sua startup. La pandemia è stata un acceleratore della sua visione, ma non un catalizzatore. “L’evoluzione digitale ci ha portato a questo punto in cui il lavoro distribuito è totalmente possibile”, ha affermato. “La realtà è che, per la stragrande maggioranza delle persone non è possibile prendere un laptop e andare alle Fiji. Hanno figli, hanno responsabilità familiari”. Il fatto che milioni di persone in tutto il mondo abbiano finalmente adottato il lavoro a distanza perché dovevano farlo non è problema. Vede un futuro in cui le persone ibridano i loro flussi di lavoro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *