Perché il clima aziendale di oggi è pronto per l’open innovation

Un recente articolo dell’Harvard Business Review afferma: “Tra l’oscurità e il destino dei primi mesi della crisi del COVID-19, è iniziato ad accadere qualcosa di sorprendente ed edificante: le aziende hanno iniziato a collaborare per lavorare apertamente a un livello senza precedenti, mettendo il capacità di creare valore prima dell’opportunità di guadagnare”. Con collaborazioni che vanno da stazioni di test mobili, ventilatori nuovi e soprattutto dispositivi di protezione individuale (DPI), organizzazioni di ogni dimensione e settore hanno partecipato agli sforzi di innovazione per aiutare a combattere la diffusione del virus e migliorare i tassi di recupero.

Sostenendo che questo clima offra l’opportunità di perseguire l’open innovation oltre la crisi, l’articolo delinea come le aziende possono superare le sfide comuni e ottenere un’innovazione aperta sostenuta.

Collaborare senza preconcetti

Secondo l’articolo, “Le preoccupazioni sulla proprietà intellettuale sono ovviamente reali e importanti, ma rischiano di impedire a qualsiasi iniziativa di innovazione aperta di prendere slancio … Le aziende intelligenti fanno un atto di fede, collaborando su cose importanti, senza rischiare l’esposizione negativa”. Quando cercano soluzioni per risolvere problemi aziendali critici, gli autori incoraggiano le aziende a cercare attivamente input, consigli e, in alcuni casi, assistenza tecnologica da partner di innovazione aperta

Sfrutta la motivazione bilaterale

I singoli dipendenti e la leadership esecutiva sono motivati ​​da diversi aspetti e questo permette all’azienda di avere più tempo o risorse a disposizione. Come afferma l’articolo di HBR, “Allineare tutte queste motivazioni con ciò che le aziende desiderano:  impegno, curiosità e umiltà”. È importante che le organizzazioni si impegnino in questo lavoro e rispondano alla vera motivazione dei loro partner, in particolare se sperano di ottenere un’innovazione sostenuta e una partnership a lungo termine.

Instaura rapporti con nuovi partner

Anche se assumere nuovi partner comporta sempre dei costi relativi alla ricerca, alla convalida e alla conformità, è un passo importante per acquisire le competenze e le prospettive necessarie per andare avanti con qualsiasi iniziativa di collaborazione. Il pezzo di HBR suggerisce che la pandemia ha alleviato le tradizionali sfide associate all’identificazione e all’inserimento di nuovi partner, poiché molti amministratori delegati hanno pubblicizzato l’importanza della collaborazione per trovare soluzioni alla crisi. Gli autori scrivono: “Una crisi può spingere le aziende a esplorare un numero maggiore e persino nuovi tipi di partner. Mantenere un po’ di quell’atteggiamento di apertura verso i nuovi partner dopo la crisi può aiutare le aziende a rimanere al passo con l’innovazione “.

L’urgenza guida la trasformazione

Circostanze senza precedenti portano un senso di urgenza che può aiutare le aziende a trasformare rapidamente la loro infrastruttura di innovazione. Man mano che le aziende emergono dalla pandemia, dovrebbero lottare per mantenere il senso di urgenza che ha consentito loro di essere più collaborative, agili e creative nei loro sforzi di innovazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *