I passi in avanti delle startup dedicate all’intelligenza artificiale

Con l’intelligenza artificiale alla conquista di qualsiasi settore, il mondo potrebbe cambiare radicalmente. Le implicazioni dell’intelligenza artificiale sono senza dubbio immense, poiché probabilmente influenzerebbe quasi tutti i settori del mondo, rimodellando aziende e posti di lavoro. Il famoso fisico Stephen Hawking era spesso citato per essere un accanito critico dell’intelligenza artificiale. Temeva la capacità distruttiva che potrebbe derivare dal dare ai computer un’intelligenza uguale o addirittura superiore a quella di un essere umano. Tuttavia, come riportato da CNBC nel 2017, Hawking riteneva che le proposte legislative nell’Unione europea fossero sufficienti per regolare l’intelligenza artificiale.

Le scelte dell’Unione Europea

Dopo un anno i membri dell’UE hanno concordato che verranno investiti circa 20 miliardi di euro nel settore dell’intelligenza artificiale. I membri si erano precedentemente incontrati con la Svizzera e la Norvegia al fine di discutere di potenziali collaborazioni che “garantiranno che l’Europa ottenga i benefici dell’IA per i cittadini e le imprese e competa a livello globale, salvaguardando la fiducia e rispettando i valori etici”, come Mariya Gabriel, commissario europeo per l’economia e la società digitale, ha dichiarato in un comunicato stampa.

Un altro affascinante approccio dell’UE può essere trovato in una nuova piattaforma “AI-on-demand”, che dovrebbe essere lanciata presto. Nel cosiddetto progetto AI4EU , 79 istituzioni partner, come SAP e Allianz, e 21 nazioni europee stanno cercando di “mobilitare l’intera comunità europea dell’intelligenza artificiale” al fine di garantire la crescita economica futura. L’iniziativa ha selezionato cinque aree di ricerca incentrate sull’uomo in cui si prevede di condurre otto esperimenti pilota. I settori di attività degli esperimenti includono anche sanità, media e agricoltura.

Il boom delle startup

Con così tanti occhi rivolti al settore dell’intelligenza artificiale, non è una grande sorpresa che le startup dell’IA siano in pieno boom proprio ora. Il rapporto dell’indice AI 2018 , pubblicato da ricercatori di istituzioni come il MIT, l’Università di Harvard e Stanford, rivela che da gennaio 2015 a gennaio 2018 il numero di startup AI è aumentato quasi il doppio rispetto a tutti gli altri settori. Ancora più interessante, il finanziamento del capitale di rischio per le startup dell’IA è aumentato di oltre quattro volte nel 2013 e nel 2017, il che lo ha trasformato in uno dei settori in più rapida crescita al mondo. Holidu, una startup di tecnologia di viaggio con sede a Monaco, ha avuto la preziosa opportunità di sperimentare l’immenso potenziale di crescita connesso all’intelligenza artificiale.

L’esempio di Holidu

La società finanziata da VC utilizza una tecnologia di riconoscimento delle immagini basata sull’intelligenza artificiale. Rileva elenchi duplicati di case vacanze in centinaia di siti Web di viaggi. Consente così ai propri utenti di navigare in tutti i noleggi unici e prenotare al prezzo più basso. Michael Siebers, co-fondatore e CTO di Holidu, ha dichiarato che “solo l’intelligenza artificiale ci consente di generare una panoramica del mercato trasparente e fornire raccomandazioni individuali su larga scala”. Dalla sua fondazione nel 2014, Holidu è stata in grado di espandere i propri affari in 21 paesi e ora impiega oltre 150 persone provenienti da tutto il mondo. Inizialmente finanziato da una sovvenzione governativa per aziende innovative, Holidu può essere visto come un ottimo esempio della strategia di intelligenza artificiale della Germania.

Con un numero crescente di startup nello spazio AI, le acquisizioni annuali sono aumentate di oltre il 500 percento tra il 2013 e il 2017. Sembra che Google stia chiaramente guidando la corsa con oltre 29 startup acquisite e circa 4 miliardi di dollari spesi dal 2006 all’inizio del 2018. Però nessuna singola azienda che è di proprietà dei maggiori investitori nel settore dell’IA ha sede principalmente in Europa. Resta da vedere se gli investimenti dell’UE aiuteranno ad avvicinarsi agli Stati Uniti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *