Il futuro delle collaborazioni startup e corporate

Le aziende europee sono pronte a farsi avanti e a lavorare più a stretto contatto con le startup? È probabile che la pandemia Covid agisca da acceleratore, aumentando la collaborazione oltre concetti e approcci timidi. “Per la maggior parte delle aziende, il Covid ha portato a un maggiore livello di consapevolezza sull’importanza della trasformazione digitale e sulla velocità con cui deve avvenire”, afferma Julie Ranty, amministratore delegato di Viva Technology, la conferenza tecnologica annuale a Parigi. Uno dei motivi dell’accelerazione è che la trasformazione digitale si lega sempre più al quadro più ampio per le aziende, con motivazioni che vanno dall’aumento della produttività all’attrazione di talenti o come strumento per raggiungere obiettivi verdi e di sostenibilità. Un altro è un cambiamento nella cultura. Di conseguenza, Ranty afferma che anche la collaborazione con le startup è accelerata.

L’incertezza ha permesso l’accelerazione

“Il Covid, poiché ha portato così tanta incertezza, ha costretto tutte le aziende a una mentalità di prova e apprendimento. Ciò significa dare più spazio all’assunzione di rischi”, afferma Ranty. “Di conseguenza, le decisioni che prima venivano messe in attesa per mesi e venivano sottoposte a controlli senza fine vengono prese molto più velocemente dalle aziende”. Le aziende affermate stanno superando la loro solita tendenza ad aspettare o rimandare decisioni in aree che non sono necessariamente all’interno delle loro zone di comfort, e ora sono i CEO a essere coinvolti in questo tipo di accordi. Il cambiamento è più radicale se si considera il comportamento aziendale negli ultimi cinque anni, afferma Ranty. Il Covid sta servendo ad accelerare ulteriormente il trend.

“Le aziende in genere si rivolgevano alle startup come un modo per monitorare le novità sul mercato, in un approccio protezionistico: la collaborazione era qualcosa per le aree annesse e le startup raramente erano collegate a core business”, afferma Ranty, aggiungendo che questo è cambiato drasticamente in anni recenti. “La maggior parte delle aziende ora è convinta dei vantaggi di lavorare con le startup. Sanno che possono ridurre anni di ricerca e sviluppo, possono rinnovare vecchie abitudini e strutture internamente e possono scuotere la cultura aziendale per introdurre più agilità e attrarre talenti”.

Cedric O, secretaire d Etat charge de la Transition numerique *** Local Caption *** visioconference visio conference

Passaggio alla nuova tecnologia

Per alcuni, in particolare per le aziende del settore del lusso e dei cosmetici come LVMH o L’Oréal, gli sviluppi con le startup sono stati integrati nuovamente nella proposta principale e sono diventati parte dei prodotti offerti.

Nel settore industriale, aziende come Vinci o Volvo hanno creato incubatori e hanno posto l’innovazione al centro delle loro strategie di ricerca e sviluppo. “Il nome del gioco per noi è incertezza, e non è a causa del Covid, è a causa del cambiamento più profondo nel nostro settore intorno all’elettrificazione e alla decarbonizzazione dei trasporti – un’era di balzi in avanti verso nuove tecnologie e tentativi di risolvere i problemi senza sapere esattamente dove finiremo in mezzo a questa rivoluzione dell’innovazione”, afferma Lars Stenqvist, vicepresidente esecutivo di Volvo Group Trucks Technology e chief technology officer di Volvo Group. “Abbiamo bisogno di partner per arrivarci e abbiamo bisogno di agilità, per adattarci lungo la strada”.

Il team di Stenqvist ha lavorato per cinque anni su una strategia di collaborazione, imparando e adattandosi per trovare il modo giusto per lavorare. “Quando abbiamo iniziato eravamo solo entusiasti di avere un hub e abbiamo scansionato troppo in generale. Il nostro approccio era troppo generico”, afferma Stenqvist. Il modo in cui viene gestita ora l’unità di innovazione del gruppo, chiamata CampX, inizia con una serie di sfide ingegneristiche come l’elettrificazione o la mobilità intelligente e porta i partner attorno al tavolo per cercare risposte.

Valutazione e acquisizioni

Le aziende europee però fanno ancora pochissime acquisizioni rispetto alle loro controparti statunitensi. “Probabilmente è il punto che si è evoluto meno negli ultimi anni”, afferma Ranty di Viva Technology. “Ciò alimenta la questione più ampia delle exit, che è un vero problema per le startup europee”. In Volvo, ad esempio, la discussione sull’opportunità o meno di investire in una startup non è da affrontare all’inizio. “Come possiamo lavorare insieme, unire le conoscenze e quali valori condividiamo? Questo è ciò che ci interessa prima di tutto”, afferma Stenqvist.

“Sempre più aziende si porranno la domanda. Pago 10 volte i guadagni operativi per acquistare questa startup, o sviluppo internamente e accetto che mi ci vorranno quattro o cinque anni?” dice Ranty. I VC possono svolgere un ruolo nell’educare l’ecosistema più ampio sulla comprensione dei dati delle startup e sulla valutazione delle loro risorse. Questo è il primo passo per incoraggiare più acquisizioni.

L’idea di fondo è che le aziende sono convinte della necessità di acquisire startup, ma sono scoraggiate da ostacoli, inclusi modelli di valutazione che hanno poco in comune con l’analisi finanziaria di aziende consolidate. I partecipanti a un workshop Scale-Up Europe a maggio da aziende tra cui Sodexo, Telefonica, BMW e Airbus, nonché fondatori di startup, hanno sostenuto che le acquisizioni sono solo una parte della soluzione per l’Europa.

“Le acquisizioni sono essenziali per le aziende. Non solo le startup crescono, ma anche le aziende crescono in questo processo e rappresentano l’opportunità di rivoluzionare i modelli di business esistenti per soddisfare le mutevoli esigenze dei consumatori”, afferma Belen Moscoso del Prado, chief digital and innovation officer presso la società di servizi alimentari Sodexo. Ma diversi tipi di partnership possono aiutare a soddisfare le esigenze tecnologiche e dei consumatori, afferma.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *