cassini fondo startup spaziali

L’Europa lancia un fondo per investire in startup spaziali

La Commissione Europea ha lanciato un nuovo programma per offrire investimenti alle startup e mantenere le stesse aziende nel continente. Funzionari della Commissione europea, della Banca europea per gli investimenti e del Fondo europeo per gli investimenti hanno annunciato il 25 gennaio che avrebbero investito almeno un miliardo di euro in cinque anni per Cassini. Si tratta di un programma che fornirà finanziamenti in fase iniziale per le compagnie spaziali europee. L’intento di Cassini è fornire supporto europeo a quelle startup per impedire loro di cercare altrove, in particolare negli Stati Uniti, finanziamenti che potrebbero portare quelle aziende a lasciare l’Europa.

L’obiettivo dell’Unione Europea

“Gli imprenditori spaziali europei ritengono che manchino fonti di finanziamento private. Pertanto, tendono a tenere d’occhio il capitale privato al di fuori dell’UE, in particolare gli Stati Uniti”, ha affermato Kris Peeters, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, durante un discorso alla 14a Conferenza spaziale europea in cui lui e altri funzionari hanno annunciato il fondo. “Gli strumenti finanziari pubblici europei svolgono un ruolo essenziale nello sbloccare capitali privati ​​per il settore spaziale”. Thierry Breton, il commissario dell’Unione europea responsabile per la politica spaziale, ha espresso sentimenti simili durante la conferenza. “Molte delle nostre startup non possono ottenere l’investimento azionario di cui hanno bisogno in Europa. Non hanno altra scelta che rivolgersi a investitori extra UE. Naturalmente, questa è una perdita di opportunità e anche un grosso rischio per l’Europa”.

Breton, Peeters e Alain Godard, amministratore delegato del Fondo europeo per gli investimenti, hanno firmato una dichiarazione congiunta alla conferenza che ufficializza la loro partnership su Cassini. Ciò è stato seguito nel corso della giornata da un’altra dichiarazione congiunta di funzionari dell’UE, dell’Agenzia spaziale europea e del Fondo europeo per gli investimenti. “L’Europa non ha accesso ai finanziamenti per consentire all’industria di prosperare”, ha affermato Josef Aschbacher, direttore generale dell’ESA, alla firma della seconda dichiarazione congiunta su Cassini. “L’Europa è piena di idee, è piena di energia, ma hanno bisogno dei mezzi per trasformare queste idee in progetti, in programmi e in attività”.

Come è stato accolto il fondo Cassini

Sono stati rivelati pochi dettagli su come Cassini investirà nelle startup europee. Durante una successiva sessione del panel alla conferenza, Guillaume de La Brosse, capo dell’unità Innovazioni, startup ed economia presso la direzione della Commissione europea responsabile per lo spazio, ha affermato che il Fondo europeo per gli investimenti collaborerà con fondi di capitale di rischio in Europa per Cassini. Tali fondi effettueranno i loro investimenti iniziali nella seconda metà dell’anno. “È esattamente ciò di cui abbiamo bisogno perché ciò che dobbiamo affrontare oggi è che è necessaria l’equità per crescere, ma gli investitori privati ​​non sono disposti a investire perché percepiscono questo settore come troppo rischioso”, ha affermato. “Quindi dobbiamo non rischiare quel settore”.

I dirigenti delle società spaziali europee hanno accolto con favore Cassini, rilevando anche che l’ambiente per gli investimenti spaziali in Europa stava già migliorando. “Cinque anni fa, la situazione era completamente diversa”, ha affermato Nicolas Capet, amministratore delegato di Anywaves, un produttore di antenne francese. A quel tempo, ha detto, lo spazio era ancora considerato in Europa solo il regno dei governi e delle grandi aziende. “In cinque anni, il numero di possibilità che sono state sviluppate e implementate dalle istituzioni è semplicemente incredibile”, ha affermato, incluso il supporto dell’ESA e dei governi nazionali. “Penso che ci siano molte cose enormi che sono già state implementate”.

Cosa assicura Cassini

“Viviamo in un momento in cui la mentalità sta cambiando. È molto eccitante per noi”, ha affermato Clément Galic, amministratore delegato di Unseenlabs, che sta sviluppando una costellazione di satelliti di intelligence marittima. Cassini, ha detto, “spingerà gli investitori privati ​​a seguirlo”. “Siamo europei. Perché dovremmo spostarci?” Egli ha detto. “Ma, ad essere onesti, non metteremo in pericolo l’azienda. Se avremo bisogno di raccogliere fondi dall’Europa, lo faremo”. Il capo del FEI, Alain Godard, ha affermato che ogni euro investito dal fondo attrae tipicamente tre o quattro euro di investimenti privati ​​dalle imprese, altrimenti avrebbe ritenuto il progetto troppo rischioso.

Un meccanismo complementare consentirà l’accesso ai prestiti alle startup spaziali. Si stima che il settore spaziale europeo rappresenti circa il 10% dell’economia complessiva. Si prevede inoltre che il settore raddoppierà i suoi ricavi nel prossimo decennio. La competitività del settore è considerata importante poiché molte delle tecnologie che sviluppa trovano applicazioni in altri settori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *