mentoring

Corporate Innovation, otto suggerimenti per chi fa il tutor

Il mentoring è un ottimo meccanismo sia per i fondatori di startup che per i dipendenti aziendali per costruire relazioni personali ed esplorare come possono aiutarsi a vicenda. L’ecosistema delle startup, dopotutto, è costruito su reti di persone che si aiutano a vicenda. I fondatori aiutano altri fondatori a ottenere clienti, talenti e raccogliere capitali, e gli investitori condividono accordi con altri investitori e fanno referral. È così che costruisci la tua reputazione e la tua rete. A lungo termine, tutto ciò si converte in valore e impatto aziendale.

Il tutoraggio si inserisce in questo modello in vari modi. I mentori possono essere il primo passo verso un coinvolgimento più profondo con i fondatori. Capiscono l’azienda e possono vedere se si adatta a uno dei tre meccanismi. Possono quindi indirizzarli al team del capitale di rischio per un investimento strategico o al team del cliente di rischio per le opportunità pilota.

Inoltre, i mentori riportano ciò che hanno imparato dall’interazione con i fondatori di startup nei nostri venture builder interni. Possono diventare coach e mentori interni e aiutare le iniziative interne a crescere e scalare.

8 principi di tutoraggio

Siemens ha sviluppato alcuni principi che guidano i suoi dipendenti a diventare mentori migliori per i fondatori e i team di startup:

  • Non aspettarti nulla in cambio
  • Sii consapevole quando allenare e quando consigliare
  • Sii aperto a imparare
  • Supportare anche mentalmente i fondatori
  • Fai molte domande
  • Ascolta prima, poi sii onesto e chiaro
  • Condividi la tua storia
  • Apri le tue reti

Non aspettarti nulla in cambio

Il mentoring è uno dei modi in cui aggiungiamo valore in primo luogo ai fondatori e alle startup. Serve ad aiutare i fondatori e gli innovatori ad avere successo e, così facendo, dare energia alla società.

Sii consapevole quando allenare e quando consigliare

C’è una differenza tra coaching, consulenza e mentoring. Il tutoraggio viene visto da Siemens come una combinazione di coaching e consulenza. I peggiori mentori visti sono quelli che dicono al fondatore cosa fare, o lo criticano costantemente perché lo farebbero diversamente. Un grande mentore sa come passare dalla consulenza al coaching. Un mentore può consigliare un fondatore raccontando le sue storie ed esperienze personali e offrendo aiuto su come prendere decisioni. I mentori davvero eccezionali sono gli allenatori e pongono domande guida per aiutare i fondatori a ottenere la risposta da soli.

Sii aperto a imparare

Il mentoring è una strada a doppio senso e i grandi mentori vedono il mentoring come un’esperienza di crescita e apprendimento anche per se stessi. Il mentoring non è solo il modo in cui aiuti i fondatori a migliorare, a costruire affari e prodotti migliori, è anche un’opportunità per apprendere una nuova tecnologia, un modello di business e cose su di te come professionista e leader.

Supportare anche mentalmente i fondatori

Essere il fondatore di una startup è una vera montagna russa. È anche una delle esperienze più solitarie nel mondo degli affari. Fare da mentore a un fondatore non significa solo indirizzare qualcuno su come costruire un modello finanziario o scrivere un piano aziendale migliore, ma anche supportare i fondatori negli alti e nei bassi della creazione di una startup, essere consapevoli e mostrare grande empatia quando necessario.

Fai molte domande guida

Le domande sono un ottimo strumento di mentoring. Le domande vengono usate per conoscere quell’attività e, così facendo, si aiuta il fondatore a chiarire la proposta commerciale, la visione e si aiuta a formare opinioni forti sul mercato e sul prodotto.

Ascolta prima, poi sii onesto e chiaro. Non nascondere la verità ai fondatori

Bisogna stare attenti a mentori pseudo-amichevoli, che non sono efficaci ma dannosi. Per paura di deludere, dicono ciò che si vuole sentire e non ciò di cui si ha bisogno.

Condividi la tua storia

Non c’è niente di più potente delle storie e delle esperienze personali. Renditi vulnerabile come mentore e condividi le tue storie personali. Quando li condividi non racconta solo storie di successo, ma anche i tuoi fallimenti. Queste storie sono un modo per connettersi a un livello più profondo con il fondatore e mostrare empatia. Le tue storie suscitano curiosità e un diverso livello di conversazione che è super utile per i fondatori in qualsiasi fase.

Apri le tue reti

Fare presentazioni e aiutare i fondatori a costruire la loro rete è un principio fondamentale per essere un mentore. Una semplice presentazione tra un fondatore e un altro contatto può creare grandi cose, dall’aiutare a trovare un cofondatore alla chiusura di un importante investitore.

Siemens crede che aggiungere il tutoraggio di startup e fondatori e averlo come parte fondamentale della cultura dell’innovazione aziendale potrebbe anche trasformare organizzazioni e mentalità. Potrebbe essere la chiave per far lavorare insieme aziende e startup in modo più efficace.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *