LifeScan-Inverness

Come LifeScan inventa nuovi prodotti con l’innovazione aperta

In un articolo apparso in numerose riviste specializzate, Lisa Rose, direttore marketing di LifeScan, ha spiegato come l’azienda che produce sistemi diagnostici con prodotti focalizzati sul mercato del diabete, in particolare i sistemi di monitoraggio della glicemia, abbia sfruttato l’open innovation. Chi sceglie l’innovazione aperta cerca nuove idee oltre i confini stessi dell’azienda. È alla ricerca di partner per raggiungere più facilmente i propri obiettivi di innovazione e trasformare le proprie attività con nuove tecnologie e servizi.

Affinché le persone creative forniscano ai professionisti dell’innovazione aperta buone idee e invenzioni, devono prima comprendere gli obiettivi e la missione di un’azienda nel contesto dei prodotti che stanno costruendo per i loro clienti. Di solito, queste informazioni non sono difficili da trovare, poiché queste aziende sono orgogliose di ciò che stanno facendo. Secondo l’International Diabetes Federation, la pandemia ha intensificato la necessità di sistemi di monitoraggio della glicemia. Una domanda superiore al previsto in tutto il mondo.

La pandemia e il bisogno di nuove idee

Per questo una delle priorità dell’innovazione di LifeScan è rendere il test della glicemia sempre meno invasivo. Durante la pandemia, le persone con diabete sono state costrette ad entrare in contatto con la telemedicina e il monitoraggio a distanza. Anche per questo è stato necessario puntare sull’innovazione aperta. Lisa Rose ha spiegato che un gran numero di dipendenti di LifeScan ha il diabete o ha familiari con diabete. La conoscenza profonda di questa malatina determina che l’open innovation inizia internamente.  Un panel globale composto da consumatori e professionisti contribuisce ai suoi sforzi di ricerca di mercato. Quando Rose cerca feedback su idee, esigenze e nuove innovazioni in fase di sviluppo, oltre a testare nuovi concetti e prodotti, si consulta con questo gruppo dedicato per un rapido feedback.

Rose ha sottolineato l’importanza dell’osservazione diretta nell’identificazione dei bisogni non soddisfatti e nella generazione di nuove idee. I venditori Lifescan siedono regolarmente negli uffici di endocrinologi e specialisti di tutto il mondo per acquisire una conoscenza diretta di ciò che sta accadendo sul campo. Gli esperti di marketing a volte sono coinvolti in queste visite, oltre a condurre interviste e vedere i pazienti nelle loro case. Uno studio qualitativo condotto durante la pandemia in cui ai consumatori è stato chiesto di raccontare ai marketer un giorno della loro vita ha prodotto un risultato affascinante. Ai consumatori non è stato detto che lo studio fosse incentrato sul diabete. È stato semplicemente chiesto loro di descrivere un giorno della loro vita.

Utilizzando i loro telefoni, hanno invitato i dipendenti Lifescan nelle loro case offrendo loro tour virtuali. È stata condivisa la loro routine, come cucinano e cosa gli piace fare durante il giorno. Alla fine sono state poste loro domande sul diabete e su come si inserisce nelle loro vite. Delle tre ore che le persone hanno trascorso con i marketer, ha rivelato Rose, ci sono voluti circa 90 minuti prima che rivelassero di avere il diabete. “Non volevano parlarne. Non volevano davvero dedicare tempo al diabete, perché è così invasivo nelle loro vite” ha spiegato.

Come l’innovazione aperta aiuta a risolvere i problemi persistenti

Per aiutare a sviluppare la sua idea per le soluzioni OneTouch in un prodotto reale che “colmerà il divario digitale”, Rose ha sfruttato l’esperienza delle aziende tecnologiche. Utilizzando un’app, i consumatori possono registrare con maggiore precisione le loro azioni durante la settimana, generando dati più accurati. Riconoscendo il vantaggio di lavorare con un esperto nell’acquisizione e nella comunicazione di grandi quantità di dati, LifeScan ha iniziato a collaborare con Amazon e Google. “Condividiamo i dati con loro, loro condividono i dati con noi e tutto viene contenuto nel cloud. Da lì, siamo in grado di estrarre i dati e abbiamo data scientist nel personale che attraverso vari algoritmi utilizzano l’apprendimento automatico. L’obiettivo? Aiutare le persone con diabete a gestire la propria salute utilizzando informazioni e approfondimenti specifici.

Capire come aiutare i pazienti ad adattare la loro dieta, routine di fitness, insulina e/o farmaci in base a come stanno vivendo la loro vita è molto importante. L’idea è che, se i medici fossero in grado di vedere l’intera personalità dei loro pazienti in referti facilmente consultabili, sarebbero molto più avanzati nella loro capacità di gestire le loro cure. L’innovazione aperta è il futuro perché nessuno di noi può fare tutto da solo.

Parlare con gli utenti di un determinato prodotto e capire come interagiscono con esso è l’unico modo per trovare soluzioni che siano utili per loro. Ciò può essere ottenuto attraverso focus group, lettura di recensioni di prodotti, partecipazione a fiere o semplicemente usarlo come argomento di discussione. Anche questo è open innovation.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *