Perché il clima aziendale di oggi è pronto per l’open innovation

Un recente articolo dell’Harvard Business Review afferma: “Tra l’oscurità e il destino dei primi mesi della crisi del COVID-19, è iniziato ad accadere qualcosa di sorprendente ed edificante: le aziende hanno iniziato a collaborare per lavorare apertamente a un livello senza precedenti, mettendo il capacità di creare valore prima dell’opportunità di guadagnare”. Con collaborazioni che vanno da stazioni di test mobili, ventilatori nuovi e soprattutto dispositivi di protezione individuale (DPI), organizzazioni di ogni dimensione e settore hanno partecipato agli sforzi di innovazione per aiutare a combattere la diffusione del virus e migliorare i tassi di recupero.

Sostenendo che questo clima offra l’opportunità di perseguire l’open innovation oltre la crisi, l’articolo delinea come le aziende possono superare le sfide comuni e ottenere un’innovazione aperta sostenuta.

Collaborare senza preconcetti

Secondo l’articolo, “Le preoccupazioni sulla proprietà intellettuale sono ovviamente reali e importanti, ma rischiano di impedire a qualsiasi iniziativa di innovazione aperta di prendere slancio … Le aziende intelligenti fanno un atto di fede, collaborando su cose importanti, senza rischiare l’esposizione negativa”. Quando cercano soluzioni per risolvere problemi aziendali critici, gli autori incoraggiano le aziende a cercare attivamente input, consigli e, in alcuni casi, assistenza tecnologica da partner di innovazione aperta

Sfrutta la motivazione bilaterale

I singoli dipendenti e la leadership esecutiva sono motivati ​​da diversi aspetti e questo permette all’azienda di avere più tempo o risorse a disposizione. Come afferma l’articolo di HBR, “Allineare tutte queste motivazioni con ciò che le aziende desiderano:  impegno, curiosità e umiltà”. È importante che le organizzazioni si impegnino in questo lavoro e rispondano alla vera motivazione dei loro partner, in particolare se sperano di ottenere un’innovazione sostenuta e una partnership a lungo termine.

Instaura rapporti con nuovi partner

Anche se assumere nuovi partner comporta sempre dei costi relativi alla ricerca, alla convalida e alla conformità, è un passo importante per acquisire le competenze e le prospettive necessarie per andare avanti con qualsiasi iniziativa di collaborazione. Il pezzo di HBR suggerisce che la pandemia ha alleviato le tradizionali sfide associate all’identificazione e all’inserimento di nuovi partner, poiché molti amministratori delegati hanno pubblicizzato l’importanza della collaborazione per trovare soluzioni alla crisi. Gli autori scrivono: “Una crisi può spingere le aziende a esplorare un numero maggiore e persino nuovi tipi di partner. Mantenere un po’ di quell’atteggiamento di apertura verso i nuovi partner dopo la crisi può aiutare le aziende a rimanere al passo con l’innovazione “.

L’urgenza guida la trasformazione

Circostanze senza precedenti portano un senso di urgenza che può aiutare le aziende a trasformare rapidamente la loro infrastruttura di innovazione. Man mano che le aziende emergono dalla pandemia, dovrebbero lottare per mantenere il senso di urgenza che ha consentito loro di essere più collaborative, agili e creative nei loro sforzi di innovazione.

Open Innovation, una cattedra alla Luiss per formare nuovi professionisti

Soprattutto ora, in un mercato scombussolato dall’emergenza sanitaria, il futuro è delle aziende in grado di innovarsi. Con questa caratteristica ci si può muovere sul mercato e anticipare i tempi. Per questo è importante comprendere l’Open Innovation e studiarlo. L’idea è di Fabrizio Di Amato, Presidente di Maire Tecnimont, che ha finanziato col gruppo una cattedra in Open Innovation all’Università Luiss «Guido Carli» di Roma. L’Open Innovation è la chiave per le aziende per crescere, come confermato da tantissime ricerche. In media si cresce due volte più rapidamente rispetto alle altre. Resta però l’annoso problema di aziende europee e italiane che investono meno in innovazione rispetto alle omologhe di altri continenti quali America ed Asia.

Lo scopo di una cattedra sull’Open Innovation

open innovation

Con la collaborazione tra Università Luiss e il Garwood Centre for Corporate Innovation dell’Università della California a Berkeley, si apre così un un nuovo progetto per l’Italia. Andrea Prencipe, rettore della Luiss, ha sottolineato l’importanza della nuova cattedra durante l’inaugurazione. «L’elemento di differenziazione fondamentale tra l’Open Innovation e altre forme di collaborazione per l’innovazione – ha ricordato – risiede nella ricerca di partnership non ovvie che possano quindi offrire conoscenze, idee, competenze, informazioni non convenzionali, inaspettate, impensate ed a volte impensabili». L’Open Innovation sta cambiando il modo di gestire e far crescere le aziende. Una scelta che molte governance imprenditoriali hanno già fatto, ma ancora molte altre devono intraprendere. Ecco quindi il bisogno fondamentale di formare giovani preparati, con competenze ad hoc per guidare il processo nelle aziende, di tutte le dimensioni.

Il progetto di ricerca sui principi alla base della disciplina

C’è bisogno di nuovi esperti, ripete spesso il direttore del Garwood Centre for Corporate Innovation, Henry Chesbrough. Questa cattedra può così permettere di formare persone in grado di guardare oltre, professionisti che hanno la capacità fondamentale di sapersi innovare e muoversi nel mercato a prescindere dal contesto in cui si ritrovano. Il valore del progetto va oltre gli obiettivi del mero insegnamento. È infatti in cantiere un progetto di ricerca sull’analisi dei principi alla base della disciplina. Le aziende con questa formazione specifica avranno la possibilità di perseguire obiettivi cruciali in ambito sociale, economico e di sostenibilità ambientale.  Chesbrough spiega: “L’innovazione aziendale deve far tesoro in maniera sistematica di collaborazioni, idee e risorse esterne rispetto al perimetro societario classicamente inteso. Dalle start-up al mercato globale delle idee e dei brevetti, questo modello illustra meglio dei precedenti perché un’azienda non abbia più bisogno di controllare, quasi di possedere, i processi di innovazione dall’inizio alla fine”.

Il momento giusto per l’Open Innovation

Tra l’oscurità e il destino dei primi mesi della crisi di Covid-19, è successo qualcosa di sorprendentemente edificante. Le aziende iniziarono a riunirsi per lavorare apertamente a un livello senza precedenti, mettendo come priorità la possibilità di creare valore prima del guadagno. La multinazionale tedesca Siemens, ad esempio, ha aperto la sua rete di produzione additiva a chiunque abbia bisogno di aiuto nella progettazione di dispositivi medici. Scania e il Karolinska University Hospital hanno collaborato per convertire i rimorchi in stazioni di prova mobili, ma ha anche utilizzato 20 esperti di logistica per individuare, acquisire e consegnare dispositivi di protezione individuale agli operatori sanitari . Allo stesso modo, Ford sta collaborando con United Auto Workers, GE Healthcare e 3M per costruire ventilatori nel Michigan utilizzando ventilatori per sedili F-150, batterie portatili e parti stampate in 3D.

open innovation

La collaborazione tra aziende

La collaborazione può ovviamente salvare vite umane, ma può anche produrre enormi vantaggi per le aziende, anche se spesso viene trascurata in circostanze normali. La recente esplosione dell’Open Innovation ci ricorda il suo enorme potenziale. Si può ampliare lo spazio per la creazione di valore sia attraverso nuovi partner con competenze complementari o sbloccando il potenziale nascosto in relazioni durature. In una crisi, l’open innovation può aiutare le organizzazioni a trovare nuovi modi per risolvere problemi urgenti e allo stesso tempo costruire una reputazione positiva. Soprattutto, può servire come base per la futura collaborazione – in linea con la ricerca sociologica che dimostra che la fiducia si sviluppa quando i partner fanno volontariamente il miglio supplementare, fornendo reciproci favori inaspettati.

Mentre le preoccupazioni per la proprietà intellettuale, l’utile sul capitale investito e le varie conseguenze impreviste dell’innovazione aperta sono tutte valide, ciò che stiamo vivendo ora è un’opportunità per innovare attraverso e oltre la crisi. Le aziende intelligenti fanno un salto di fiducia, collaborando su cose importanti, senza rischiare l’esposizione negativa. Ad esempio, se il produttore di autocarri pesanti Scania – una società nota per il suo sistema di produzione di classe mondiale – invia alcuni dei suoi migliori esperti di produzione mezz’ora a nord per lavorare alla Getinge con sede a Stoccolma per aumentare la produzione di ventilatori, non rischia nulla del suo risorse tecnologiche di base, ma contribuisce allo sforzo di costruire capacità mediche e combattere il virus.

Incentivi per la motivazione

Poiché l’entusiasmo iniziale per l’innovazione aperta si è stabilizzato, le aziende spesso si rendono conto di fare affidamento sulla partecipazione volontaria e attiva di dipendenti e partner per avere successo. Dovranno quindi fare affidamento su una combinazione di incentivi concreti e flessibili per motivare i collaboratori interni ed esterni. Le aziende devono identificare – e rispondere a – la vera motivazione dei loro partner. Una sfida comune nell’innovazione aperta è quella di assumere nuovi partner. I nuovi partner comportano sempre costi in termini di ricerca, convalida e conformità, nonché la formazione di nuove relazioni sociali tra le persone. E sappiamo che quando si tratta di grossi problemi spinosi come Covid-19, sono necessari nuovi partner per fornire competenze e prospettive complementari.

Hasbro, ecco come il Coronavirus ha influenzato l’Open Innovation

Il coronavirus sta influenzando l’economia mondiale. Cosa riserva il futuro in termini di open innovation? Le aziende saranno più aperte o meno aperte a lavorare a sviluppare nuove idee di prodotto? Dovrebbero continuare a inventare? Si vede cambiare il loro approccio? Dovrebbero inventare in diversi settori ora? Sono queste le tante domande a cui dare una risposta. Forbes ha scelto di analizzare la situazione con Hasbro perché leader nell’open innovation. Le società di giocattoli e giochi hanno concesso in licenza nuove idee agli inventori per un secolo. Molti dei giocattoli più famosi del mondo non sono stati inventati internamente, sono stati concessi in licenza da inventori indipendenti.

Le parole del presidente

Il presidente e direttore generale di Hasbro John Frascotti ha spiegato: “Abbiamo deciso di chiudere temporaneamente i nostri uffici Hasbro a livello globale, quindi la maggior parte dei nostri dipendenti lavora in remoto. La nostra priorità principale in questo momento è la sicurezza e la salute dei nostri dipendenti e delle loro famiglie, nonché quella di tutte le persone in tutto il mondo. Siamo fortunati ad avere in atto le migliori soluzioni tecnologiche che ci consentono di continuare a lavorare insieme e ad essere produttivi mentre lavoriamo da remoto. Stiamo inoltre comunicando frequentemente con i nostri dipendenti per garantire che tutti siano consapevoli dei nuovi sviluppi e decisioni mentre vengono presi”.

Lo smart working dei dipendenti

Frascotti fa poi un bilancio dall’inizio dello smart working: “Sono incredibilmente orgoglioso della capacità di recupero e dedizione che abbiamo visto dai dipendenti di Hasbro. Dato che ci siamo tutti adattati a questa “nuova normalità”, sia a livello personale che professionale, i nostri team si sono uniti per supportarsi a vicenda come individui e come un team globale. Sono stati incredibilmente intraprendenti nel creare nuovi modi innovativi di lavorare insieme e divertirsi mentre lo facevano”. Proprio in questi giorni Hasbro ha inaugurato l’iniziativa “Bring Home the Fun” che supporta le famiglie di tutto il mondo mentre trascorrono molto tempo a casa e al chiuso. Come parte del lancio, il team creativo ha creato un video potente con i dipendenti che inviano un messaggio personale ad altri genitori e raccontano la loro esperienza in questo periodo complicato.

L’impatto positivo del lavoro da casa

Hasbro non prevede alcun impatto negativo sullo sviluppo dei propri prodotti poiché le fabbriche hanno continuato a incrementare la produzione dopo essere state chiuse all’inizio dell’anno e sono molto vicine al ritorno alla capacità prevista. Sempre più persone lavoreranno da casa con le loro famiglie vicine e i team si sono sentiti più ispirati dal tempo che hanno trascorso a casa con le loro famiglie. Sono nate così nuove idee per giocattoli e giochi in base alla loro esperienza. I cambiamenti significativi che stiamo vivendo nella nostra vita quotidiana ispireranno nuove idee e nuove invenzioni che potrebbero non essere state rilevanti un mese fa. La situazione attuale cambia il modo in cui pensiamo, agiamo e sentiamo. Questo tipo di cambiamento fondamentale nella vita quotidiana è difficile, ovviamente, ma consentirà tante nuove opportunità.

Come l’Open Innovation può aiutare nella lotta contro Covid-19

Il Coronavirus sta avendo un impatto decisamente importante su aziende e startup. Tutti stanno assistendo a una drastica riduzione del reddito, più assenze dei dipendenti, ritardo nel processo decisionale da parte dei potenziali clienti, fornitori sotto pressione a causa di problemi della catena di approvvigionamento e danni significativi a un mercato internazionale. Chiunque si affida ai fornitori cinesi ha già vissuto questa crisi da tre mesi. Nel mondo in tanti stanno facendo lavorare i propri dipendenti da casa (smart working) per ridurre la diffusione del virus; altri stanno riducendo la forza lavoro; i dipendenti vanno in congedo non retribuito; gli stipendi vengono ridotti fino al 20% e oltre.

Naturalmente le grandi società a forte carico di manodopera trovano difficile ridurre le spese fisse, compresi i costi salariali e l’affitto, mentre le startup ad alta tecnologia, con la loro maggiore flessibilità, possono adattare i loro modelli di business e la struttura delle spese ai capricci del mercato. Le start-up stanno cambiando i loro modelli di retribuzione dei dipendenti per aiutare il loro flusso di cassa e garantire la stabilità a lungo termine combinando differimenti dei costi salariali, riduzioni salariali e tagli ad altre opzioni dei dipendenti. Le start-up stanno inoltre spostando l’attività verso le case dei propri dipendenti, riducendo in tal modo le spese per uffici, tasse sulla proprietà, comunicazioni, bollette, ecc.

Gli strumenti utilizzati dalle startup

Tante start-up hanno affrontato la cancellazione o il rinvio di conferenze internazionali, eventi che rappresentavano una base importante per l’attività di marketing e lo sviluppo del business. Per risolvere questa problematica, si stanno rivolgendo direttamente ai potenziali clienti invitandoli a conferenze virtuali. Attraverso queste iniziative, gli imprenditori presentano le loro innovazioni alle multinazionali. Si tratta di un momento importante anche per le grandi aziende,  il momento di delineare i passi che le aziende possono intraprendere insieme ai partner tecnologici in alternativa al ricorso a risorse interne costose e rigide.

Una fase per diventare più efficienti, formulare nuovi modelli di business, sfruttare le risorse esistenti in nuovi ricavi, essere flessibili nei loro modelli di occupazione e così via. Maggiore è il ruolo della tecnologia in un’azienda – nei confronti dei clienti e in termini di operazioni quotidiane – più flessibile è e maggiori sono le possibilità di sopravvivere con successo a qualsiasi crisi.

I bisogni attuali

Questo è il momento per le aziende di costruire partnership commerciali con terze parti specializzate e altamente flessibili all’avanguardia tecnologica. Questo è il momento di assimilare innovazioni e tecnologie avanzate. Il bisogno aziendale che le startup possono provvedere nel modo più efficace ed efficiente è un’opportunità per entrambe le parti, con alcuni avvertimenti: le startup dovranno pensare fuori dagli schemi, improvvisare, rivolgersi a potenziali clienti e offrire modelli di business che le aziende non saranno in grado di rifiutare, mentre le aziende dovranno espandere le loro iniziative di cooperazione con start-up o addirittura, in alcuni casi, acquistarle e il loro talento. Le società che riescono a farlo emergono da questa crisi più snelle, più tecnologiche e più efficienti dei loro concorrenti.

Gli ostacoli da superare in un processo di Open Innovation

L’aggiunta di elementi esterni a un programma di Open Innovation può rivelarsi un vero rito di passaggio davvero complicato. La transizione richiede una cultura aperta, l’empowerment dei dipendenti e impegno. Le tre principali paure emerse in uno studio che riguardava i manager e il loro approccio all’Open Innovation sono la gestione della proprietà intellettuale, la creazione e il ridimensionamento del programma e la mancata comunicazione.

La collaborazione con partner esterni sembra essere in contrasto con lo scopo stesso della gestione della proprietà intellettuale. Concentrarsi troppo su questo aspetto può portare ad una minore disponibilità da parte di startup e collaboratori esterni. Per risolvere questo problema bisogna comprendere che la protezione della proprietà intellettuale non è in contrasto con l’innovazione. Si può utilizzare un accordo di non divulgazione, coinvolgere le attività commerciarli, adattare e affinare l’approccio della propria azienda alla proprietà intellettuale. L’ideale sarebbe concentrarsi su relazioni durature anziché su vittorie rapide. Inoltre sarebbe fondamentale avvicinarsi ai partner giusti e mettere in atto i corretti meccanismi di scambio di conoscenze. In questo modo input esterni possono essere assorbiti / seguiti rapidamente ed efficacemente.

I problemi di comunicazione nell’Open Innovation

Per non farsi sopraffare dal concetto di Open Innovation, si deve guidare con attenzione la direzione dei programmi e allinearli alla strategia aziendale. Una buona tattica prevede la possibilità di coinvolgere progressivamente le parti interessate e poi aumentare con contatti ancora sconosciuti. Non tutti comprendono l’innovazione. Spesso sarà un concetto differente per le diverse parti interessate interne (marketing, vendite, ricerca e sviluppo, approvvigionamento, risorse umane, ecc.) nonché per quelle esterne (fornitori, ricercatori, clienti, ecc.). Per alcune persone, innovazione potrebbe significare acquistare alcuni brevetti. Per altre persone, potrebbe essere la costruzione di reti. Potrebbe esserci anche una cattiva comunicazione riguardo allo scopo del programma, con il risultato che i dipendenti interni si sentiranno come sostituiti da persone esterne.

Per affrontare potenziali problemi di comunicazione, i leader dovrebbero consentire di promuovere l’innovazione collaborativa e aiutare tutti ad allinearsi. Inoltre dovranno riconoscere che l’innovazione aperta richiede un linguaggio speciale, che è spesso sepolto in alcuni dipartimenti e non condiviso dall’organizzazione nel suo insieme. Fornire trasparenza riguardo ai progressi del programma di innovazione e incoraggiare la comunicazione tra le varie parti interessate, soprattutto se più distanti.

Non pensare al progetto, ma a scopi più grandi

Affrontare la paura di complicazioni legate alla proprietà intellettuale, il ridimensionamento, così come la potenziale comunicazione errata, rappresentano tre primi passi essenziali per stabilire un sano programma di innovazione. Una volta che queste paure verranno abbattute, i responsabili possono cercare di sviluppare le loro capacità e impegnarsi in modo più significativo. Le collaborazioni con il mondo accademico, i fornitori, i clienti spesso hanno scopi più grandi che vanno oltre il semplice progetto. Questi obiettivi possono riguardare la digitalizzazione dell’organizzazione, il raggiungimento della centralità del cliente, la realizzazione di cambiamenti sociali su larga scala (creazione di impatto collettivo) o la scelta di un partner di soluzione

Le chiavi per il futuro: open innovation e open integration

Il mondo del business moderno utilizza una nuova parola d’ordine: “Open innovation”. Cosa significa? Quale potrebbe essere il vantaggio? Prima di tutto bisogna capire cosa si intende per “open innovation“. Si tratta di un metodo di sviluppo aziendale che unisce risorse interne ed esterne e migliorano l’organizzazione. Mira a promuovere idee innovative al fine di nuovi prodotti e tecnologie. Rispetto ai processi di innovazione convenzionali permette ad entrambe le parti (risorse interne ed esterne) di entrare nel processo di sviluppo. Spesso la routine interna può portare ad una sorta di cecità, per questo è necessario integrare l’aiuto di elementi esterni in grado di dare quel contributo necessario per fare la differenza.

L’innovazione si basa su un’ampia base di conoscenze, tecnologie e esperienze, ma è anche un processo di apprendimento che richiede tempo, sperimentazione e, necessariamente, insuccessi. Puntare all’open innovation significa abbracciare la complessità sia organizzativa che di know-how. Il primo significa fare sistema. Gestire relazioni, dare e ricevere valore dal sistema di attori con cui scelgo di interagire, nonché mettere in discussione lo status quo interno. La complessità di know-how invece fa riferimento allo sviluppo delle tecnologie digitali sempre più difficili da integrare insieme al relativo graduale abbattimento dei costi di sviluppo delle stesse che ne ha ampliato la diffusione e l’utilizzo. Gli approcci aperti all’innovazione hanno un alto potenziale per creare sinergie significative. Risparmiano costi e risorse. E tutte le parti interessate hanno l’opportunità di essere coinvolte in un momento fondamentale, il che rende più efficiente un processo di sviluppo.

L’Open Integration come evoluzione

Un recente studio scientifico – firmato dal padre stesso dell’Open Innovation, Henry Chesbrough – rivela che circa l’80% delle grandi imprese a livello internazionale usa pratiche di Open Innovation.

In Italia, l’Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano evidenzia che questa percentuale è in crescita, anche se ancora minore (70%), a causa della diffidenza culturale e del gap di competenze che ci accompagna nelle collaborazioni tra imprese, enti ed individui. Le aziende devono comprendere i benefici reali dell’apertura del processo di innovazione e come gestire i relativi costi a sostegno di tale strategia. Questo è possibile solo attivando e combinando con fonti esterne di conoscenza con la capacità di integrare sistemi esterni e interni di conoscenza, risorse e skills. Per questo l’Open Innovation porta al concetto di Open Integration. Assicurare integrazione tra sistemi permette di adattarsi alle condizioni di incertezza dello scenario competitivo attuale.

La forza dell’Open Innovation

In questo approccio c’è molto più fiducia sulle connessioni, collaborazioni e partnership per raggiungere il successo. Il modello chiuso prevede che le persone migliori del settore lavorassero per l’azienda. Ora invece bisogna identificare, connettere e sfruttare la conoscenza di coloro che lavorano da esterni. Un’implicazione sottile ma potente dell’innovazione aperta è che, in un mondo di conoscenze utili ampiamente diffuse, gran parte del valore reale può essere ottenuto non dallo sviluppo di un’altra conoscenza. Si ottiene dalla creazione di sistemi e architetture che combinano questi pezzi disparati di conoscenza. Tutti insieme in modo utile e in grado di risolvere problemi reali.

Infine da un punto di vista economico, è stato dimostrato che le organizzazioni con più fonti esterne di conoscenza ottengono migliori risultati di innovazione rispetto a quelle con meno fonti. Un recente sondaggio condotto su 125 grandi aziende ha anche scoperto che le imprese che hanno utilizzato l’Open Innovation hanno ottenuto risultati migliori rispetto alle altre.

Il programma Life dell’Unione Europa per l’innovazione ambientale

Il 60% delle spese in innovazione ambientale vengono finanziati dal Programma Life, principale strumento dell’Unione europea a sostegno dei progetti di salvaguardia dell’ambiente e della natura. Gli obiettivi generali del Programma sono perseguiti attraverso due sottoprogrammi: Ambiente (Ambiente e uso efficiente delle risorse, Natura e biodiversità, Governance e informazione in materia ambientale) e Azione per il clima (Mitigazione dei cambiamenti climatici, Adattamento ai cambiamenti climatici, Governance e informazione in materia di clima), a loro volta articolati in tre settori prioritari ciascuno.

Chi può partecipare e cosa viene finanziato

Al programma possono partecipare gli enti pubblici che operano nella gestione di parchi o risorse naturali, le organizzazioni non a scopo di lucro, comprese le ONG, impegnate nella difesa e nella tutela dell’ambiente. Ma soprattutto le imprese impegnate in progetti con impatto positivo sull’ambiente (recupero e riciclo di risorse, riduzione delle emissioni C02, riduzione dell’inquinamento). Life finanzia

  • miglioramento dell’efficienza energetica dei processi produttivi
  • riduzione e riutilizzo dei rifiuti
  • risparmio idrico
  • riduzione delle emissioni di CO2
  • uso efficiente delle risorse
  • mobilità sostenibile
  • salute ambientale
  • qualità dell’aria

La Commissione europea ha reso note le tempistiche per la presentazione delle domande su Life 2019, la data di partenza sarà quella del 4 aprile. Le imprese potranno candidarsi sia per le azioni del sottoprogramma Ambiente sia per quelle del sottoprogramma Azione per il clima. Saranno considerati prioritari, per le imprese, gli approcci integrati per l’attuazione dei piani e programmi in materia di rifiuti, i progetti per lo sviluppo di attività in materia di efficienza delle risorse e impatto del ciclo di vita dei prodotti, i modelli di consumo e dematerializzazione dell’economia.

I costi e le spese sostenute

I costi che possono essere finanziati riguardano principalmente attività di ricerca e sviluppo, quindi costi del personale attivato, consulenze esterne, realizzazione eh studi, costi per la tutela dei diritti di proprietà intellettuale come brevetti, investimenti in grandi infrastrutture o investimenti di natura non innovativa, tra cui attività già confermate su scala industriale, costi per le procedure di registrazione a sistemi come Emas ed Ecolabel, acquisto di terreni o qualunque altra spesa correlata. I contributi alle imprese possono arrivare ad ottenere un contributo fino al 60% delle spese sostenute.

L’Italia è nel club esclusivo dell’Intelligenza Artificiale

L’Italia è in uno speciale G8 che nel 2022 dovrebbe sfiorare gli 80 miliardi di dollari di investimenti. È un esclusivo club dell’Intelligenza Artificiale. A parlarne è Rita Cucchiara a La Stampa: «Siamo una delle potenze di questa tecnologia che l’Ue ha dichiarato strategica». La professoressa di sistemi di elaborazione dell’informazione all’Università di Modena e Reggio Emilia è a capo del centro che coordina le ricerche e i progetti sull’IA. L’obiettivo è creare un ecosistema favorevole, dal momento che chi vuole restare nel club delle menti sintetiche non può mai stare fermo, ma correre verso il futuro. Per la docente il futuro ha tante declinazioni come le “smart cities”: «Le auto dialogheranno con i semafori e si scambieranno informazioni sullo stato del traffico o sui movimenti dei pedoni, mentre ogni smartphone sarà in contatto con sensori e robot».

L’IA trasformerà tutto ciò che toccherà, dalla medicina di precisione, con diagnosi e terapie su misura, all’industria 4.0, con produzioni interconnesse e automatizzate (e, anche queste, personalizzate secondo le richieste del cliente). Alla base ci sono le ricerche per rendere le reti neurali più agili e versatili. «Noi italiani siamo molto bravi nello studio dei modelli di apprendimento e ragionamento automatico, nella “computer vision”, vale a dire i sistemi di riconoscimento da immagini, e in quello del “natural language processing”, le interfacce di comprensione del testo e del parlato per la comunicazione uomo-macchina». E – aggiunge Cucchiara – esiste un ulteriore aspetto: «La cosiddetta “embodied AI”», in cui si studia come intrecciare le abilità cognitive di una mente sintetica con le capacità di interazione nell’ambiente dei robot, sempre più mobili e collaborativi.

Le sinergie con le aziende

Rita Cucchiara  fa parte del gruppo dei 30 specialisti selezionati dal ministero dello Sviluppo Economico per supportare la strategia italiana, che sarà coordinata con quella europea. «A me – dice – sta a cuore la necessità di una stretta collaborazione tra università e industria». E cita il caso del suo laboratorio, in cui tre dei cinque dottorandi del 2019 sono finanziati da aziende: «Si tratta di Ferrari, Panasonic e MetaLiquid». Con Ferrari – spiega – «abbiamo un laboratorio RedVision e studiamo le interazioni uomo-veicolo, con Panasonic, nella sede dei Beta Labs di San Francisco, sperimentiamo reti neurali per riconoscere persone e con MetaLiquid cerchiamo di interpretare in modo automatico le azioni». Quest’ultima è una start-up made in Italy che ha sviluppato un algoritmo di «machine learning» capace di interpretare i video in tempo reale. Capisce se un individuo ride o piange, dove si svolge un evento, se appaiono scene di violenza o di sesso.

Alla ricerca di una nuova Olivetti

Nei laboratori – e nei 50 «nodi» della ricerca italiana – si affina la teoria e si moltiplicano i test, «ma è essenziale il contributo dell’industria e in Darticolare dell’industria informatica. A noi servirebbe una nuova Olivetti». Il settore, in Italia, è ridotto a una taglia piccola e media e mancano i pesi massimi. Nell’attesa, per fortuna, ci sono nomi in crescita. Uno è E4, «che ha fornito il super-calcolator e D.A.V.I.D.E. per il “deep learning” di Cineca, il consorzio universitario specializzato nei servizi di calcolo». Infine arriva l’appello della professoressa: «Nella scuola dobbiamo ibridizzare i corsi, nel nome della multidisciplinarità». E poi ideare nuove regole con cui gestire l’imminente rivoluzione.

Cos’è l’innovation manager e gli incentivi previsti per le aziende

Cassa Depositi e Prestiti dovrebbe gestire il 70% del Fondo nazionale per l’innovazione secondo la manovra prevista dallo Stato. Tantissime le novità previste dal governo, tra queste anche incentivi per l’assunzione di Innovation Manager. Il nuovo strumento previsto è inserito nel piano industriale di Cassa depositi e prestiti per mettere il turbo alle nuove imprese italiane hi-tech e non solo. Con direttiva del Ministero dello Sviluppo si stabiliscono «contenuti e termini della cessione, modalità di esercizio del diritto di opzione, criteri di governance perl’esercizio dei diritti di azionista sull’eventuale quota di minoranza».

Il Fondo nazionale per l’innovazione

Il fondo è stato creato con la cessione da parte del Mise del 70% del capitale sociale di Invitalia Ventures spa a Cdp che porta in dote 400 milioni euro. Tramite l’impiego del 15% degli utili delle partecipate di Stato e i Pir, il fondo riuscirà a salire fino a un miliardo. A Roma poi Cassa depositi aprirà la Casa italiana del venture capital, un luogo di condivisione dell’innovazione. Secondo quanto dichiarato dal premier Luigi Di Maio, il fondo dovrebbe essere operativo per maggio. «Credo che nel mese di marzo finiranno gli adempimenti tra sgr e Invitalia, a quel punto Bankitalia ha massimo 30 giorni per convertire il fondo. È un fondo direttamente abilitato a investire in startup, facciamo una co- sa che lo Stato non aveva mai fatto».

Si tratta di un soggetto (Sgr) multifondo che opera attraverso metodologie di venture capital. Uno strumento finanziario elettivo per investimenti allo scopo di acquisire minoranze qualificate del capitale di startup, scaleup e pmi innovative.

La figura dell’Innovation Manager

Tra le novità annunciate anche l’incentivo all’assunzione dell’Innovation Manager. Lo strumento individuato è quello del Voucher. Potrà avere un valore massimo di 40 mila euro ed essere pari al massimo al 50% dei costi sostenuti nel 2019 e nel 2020. Si ottiene per avvalersi della consulenza di un consulente esperto. Il suo scopo è “sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie abilitanti previste dal “Piano Nazionale Impresa 4.0″ e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali”. I manager devono essere “in possesso di adeguati requisiti di qualificazione e iscritti in un apposito elenco.